Dieci fra medici e infermieri del Policlinico Tor Vergata di Roma in quarantena precauzionale e ben 98 persone richiamate fra quelle che hanno avuto accesso al pronto soccorso nei giorni 26 e 27 febbraio. Di questi ultimi, 15 sono sintomatici e potrebbero aver contratto il Coronavirus. Scattata la procedura d’emergenza a Roma, nel nosocomio di Roma sud-est, al quale nei giorni scorsi si è rivolto il poliziotto 53enne residente a Torvajanica e impiegato presso il commissariato romano di Spinaceto, al quale è stato diagnosticato il Covid-19. Solo nella giornata di ieri, col peggiorare dell’influenza e una volta constatata la polmonite – che ora lo costringe al ricovero in terapia intensiva al polo infettivo romano – l’uomo avrebbe ricordato di aver ospitato un ragazzo, amico del figlio, proveniente da una zona della Lombardia fra quelle più colpite dall’epidemia. Ora un intero piano dell’ospedale è stato isolato.

L’agente, arrivato al pronto soccorso con i classici sintomi influenzali, sarebbe passato in precedenza all’ospedale Sant’Anna di Pomezia, per poi essere invitato a rivolgersi a Tor Vergata. A quanto si apprende, in un primo momento si sarebbe anche rivolto al numero 1500 messo a disposizione dalla Protezione Civile, salvo poi essere tranquillizzato, non avendo riferito alcun link con persone transitate nelle zone dell’epidemia. “Proprio per evitare un rischio Codogno – rassicura a Ilfattoquotidiano.it il professor Massimo Adreoni, direttore della Uoc Malattie Infettive del Policlinico Tor Vergata – abbiamo deciso di mettere in osservazione domiciliare i medici e gli infermieri che hanno avuto contatti con il paziente. Sia il paziente che il personale sanitario ha indossato regolarmente la mascherina”.

Nella giornata di oggi, sono saliti a 11 i casi positivi a Roma e nel Lazio. C’è il poliziotto residente a Torvajanica ma impiegato presso il commissariato di Spinaceto, con la moglie, i due figli e la cognata. L’altra famiglia con persone positive è di Fiumicino: moglie, marito e figlia. Poi c’è un caso di una persona arrivata dal Veneto e ricoverata allo Spallanzani e quello di un allievo vigile del fuoco di Piacenza, di stanza a Capannelle ma rientrato a Terni. Nel pomeriggio è risultata positiva, trasferita allo Spallanzani, anche una donna di Cremona tornata a Formia (Latina) a far visita ai parenti: è ragionevole che a questi ultimi vegna chiesta una quarantena volontaria. Oltre ai familiari risultati negativi, in quarantena precauzionale ci sono i 4 dipendenti del Policlinico Tor Vergata, 5 poliziotti del commissariato Spinaceto e 3 vigili del fuoco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’effetto sugli hotel di Milano. Direttore Cavour: “All’improvviso sparito il 90% delle presenze. Perdiamo 20mila euro al giorno”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, assessore Gallera: “Guariti due pazienti della zona rossa in Lombardia. Sono stati dimessi dall’ospedale Sacco”

next