di Maurizio Donini

Lo scorso 20 gennaio ilfattoquotidiano.it riportava i dati comunicati dal rapporto Oxfam (Bene pubblico o ricchezza privata?) al World Economic Forum di Davos, secondo il quale il 5% della popolazione italiana più ricca ha un patrimonio pari al 90% di quella più povera.

Oxfam riferisce che 26 ultramiliardari (contro i 43 del 2017) possiedono oggi la stessa ricchezza della metà più indigente della popolazione mondiale. Una forbice che, come sempre in periodo di crisi economica, si è allargata negli ultimi dieci anni; grazie ad una tassazione che è andata via via riducendosi e al fatto che la crisi del 2009 ha falcidiato la classe media. Il numero di miliardari nel mondo è quasi raddoppiato: non solo sono aumentati di numero, ma i loro patrimoni sono cresciuti del 12%, mentre i 3,8 miliardi di persone che corrispondono alla metà più povera dell’umanità hanno visto calare i loro già miseri averi di un ulteriore 11%.

Uno dei vanti che si porta sempre in vista è la propensione al risparmio degli italiani, ma curiosamente questo è un fattore che tende ad aumentare la disuguaglianza nella distribuzione del reddito adesso. Nel periodo del boom avevamo una forte natalità e i patrimoni ereditari venivano spartiti tra più soggetti; il calo delle nascite ha comportato che l’eredità venga sempre più spesso messa in capo a una sola persona, concentrando la ricchezza su pochi soggetti.

A margine della considerazione sui risparmi degli italiani, è bene precisare che questa propensione è cambiata nel tempo, arrivando a dimezzarsi e contribuendo a creare disuguaglianza. Se le generazioni precedenti risparmiavano senza problemi, i giovani d’oggi fanno fatica a risparmiare. Gli italiani nati dopo il 1986 hanno una ricchezza media netta inferiore ai 30.000 euro, mentre quelli nati tra il 1946 e il 1965 rasentano i 90.000.

Il caso italiano è poi sempre caratterizzato dalla spaccatura tra nord e sud, differenza che risulta la più alta dell’Unione Europea. A Bolzano il reddito medio netto è ai livelli della Germania più ricca, in Calabria e Sicilia è vicino ai livelli delle economie ex-sovietiche. I dati sopra citati sono confermati da Bankitalia e da una recente ricerca pubblicata dal World Inequality Database che ha studiato le diseguaglianze a livello europeo, riportando che tra il 1980 e il 2017 l’1% della popolazione più ricca ha visto accrescere il suo reddito due volte più velocemente del 50% della popolazione più povera, guadagnando nell’ultimo anno circa l’11% del reddito europeo. Nel 2017 il 10% della popolazione più ricca ha guadagnato il 34% di tutto il reddito europeo, mentre nel 1980 ne guadagnava il 30%.

Un coefficiente particolarmente preciso e utilizzato come standard mondiale è l’indice di Gini (Corrado Gini, statistico italiano di inizio secolo scorso), che misura con precisione la disuguaglianza nel mondo: più è basso l’indice, maggiore è l’equa distribuzione della ricchezza. Dopo gli Usa, la Francia è il paese con l’indice di Gini più elevato agli inizi degli anni Ottanta, ma è anche quello che registra la minore variazione dell’indice (+6%), seguito dal Regno Unito (+11%).

In Europa eccellono i paesi scandinavi con il loro sistema di welfare particolarmente protettivo, la Germania e alcuni paesi dell’est (Slovenia, Slovacchia, Repubblica Ceca), con un indice di Gini compreso tra lo 0,25 e lo 0,30. L’Italia si trova al 52esimo posto con un coefficiente di 0,360, dietro Tagikistan e Burkina Faso, poco sopra l’Azerbaigian.

A ulteriore conferma dell’esistenza del problema diseguaglianza in crescita arriva l’Eurostat, che certifica il tutto utilizzando l’indicatore S80/S20; questo valore misura il rapporto tra il reddito annuo del 20% delle famiglie più ricche e il 20% delle famiglie più povere. Un valore S80/S20 di 4,0 significa che il 20% delle famiglie più ricche percepisce in un anno un reddito quattro volte maggiore rispetto a quello del 20% delle famiglie più povere. L’Italia si ferma al quinto posto, con un rapporto di 6,09.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

La successione dell’azienda di famiglia può portare alla rovina. E c’è un unico rimedio

next