Dopo l’esordio al CES di Las Vegas lo scorso gennaio, lo smartwatch Amazfit T-Rex si appresta a raggiungere anche i negozi italiani. Il device infatti è già prenotabile sul sito del produttore al prezzo di 149,99 euro, con le spedizioni previste a partire dal 5 marzo prossimo. Lo smartwatch è caratterizzato dall’avere una scocca particolarmente robusta, tanto da essere rispondente a ben 12 diverse certificazioni di tipo militare MIL-STD-810G.

La scocca, realizzata in materiale polimerico resistente, ha un aspetto robusto e pratico. La cassa presenta una struttura particolare, di forma convessa, proprio per resistere meglio a urti e cadute e finiture molto curate e “in tono” col design generale dell’orologio, come dimostrano ad esempio i quattro rivetti agli angoli del display o la presenza di robusti tasti fisici in metallo con superficie zigrinata.

Il cinturino è in silicone resistente al sudore ma anche a liquidi acidi o basici, mentre il display AMOLED a colori di forma circolare ha una diagonale di 1,3 pollici ed è di tipo always on, con tante facce disponibili per una perfetta personalizzazione dell’aspetto.

Lo smartwatch integra poi moduli GPS e Bluetooth 5.0, è dotato di cardiofrequenzimetro e di ben 14 diverse modalità sportive professionali, ma ovviamente non mancano anche tutte le funzionalità tipiche di questi dispositivi, come allarmi, sveglie, notifiche da app, previsioni meteo e molto altro.

Notevole è anche l’autonomia. Secondo il produttore infatti la batteria da 390 mAh dovrebbe garantire fino a 20 giorni di funzionamento con un utilizzo medio (ricezione di 150 messaggi al giorno, 30 attivazioni del display, 30 minuti di corsa ogni 2 giorni e svolgimento di altre attività per 5 minuti al giorno), ma può raggiungere anche i 66 giorni con cardiofrequenzimetro e connessione bluetooth disattivate, mentre con GPS e cardiofrequenzimetro attivo per l’intera giornata l’autonomia scende a 20 ore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Successivo

Twitter si ispirerà a Wikipedia per combattere la diffusione di fake news

next