Un altro episodio di antisemitismo a Torino, il terzo nel giro di poche settimane: la vittima è la figlia di un partigiano, che abita nel quartiere Vanchiglia, a Torino, già presa di mira lo scorso 30 gennaio. Sulla targa del campanello del suo appartamento è comparsa un’etichetta bianca con una scritta a penna “Re Hitler“, una croce celtica e una svastica. La Digos sta indagando per risalire ai responsabili. Due settimane fa, sullo stesso portone, erano comparsi due piccoli adesivi con la scritta “Sieg Heil” e una svastica. Il 9 febbraio, sempre a Torino, una stella di Davide era apparsa sulla porta di casa di Marcello Segre, attivista molto noto nel mondo del volontariato piemontese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liliana Segre, dottorato honoris causa alla senatrice a vita a La Sapienza di Roma: rivedi la diretta

next
Articolo Successivo

Regeni, la segretaria generale della Farnesina: “Egitto sicuro? Dipende se si vanno a fare ricerche ‘invasive’. Io ci vado da funzionario”

next