Un altro episodio di antisemitismo a Torino, il terzo nel giro di poche settimane: la vittima è la figlia di un partigiano, che abita nel quartiere Vanchiglia, a Torino, già presa di mira lo scorso 30 gennaio. Sulla targa del campanello del suo appartamento è comparsa un’etichetta bianca con una scritta a penna “Re Hitler“, una croce celtica e una svastica. La Digos sta indagando per risalire ai responsabili. Due settimane fa, sullo stesso portone, erano comparsi due piccoli adesivi con la scritta “Sieg Heil” e una svastica. Il 9 febbraio, sempre a Torino, una stella di Davide era apparsa sulla porta di casa di Marcello Segre, attivista molto noto nel mondo del volontariato piemontese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liliana Segre, dottorato honoris causa alla senatrice a vita a La Sapienza di Roma: rivedi la diretta

next
Articolo Successivo

Regeni, la segretaria generale della Farnesina: “Egitto sicuro? Dipende se si vanno a fare ricerche ‘invasive’. Io ci vado da funzionario”

next