Un nigeriano di 29 anni è stato arrestato e sarà accusato di strage, tentato omicidio e danneggiamento aggravato, resistenza e lesioni dopo che, a Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, è sceso in strada con un’ascia distruggendo auto e arredo urbano, prima di scagliarsi contro un passante. La vittima, avvistato l’aggressore che stava dando in escandescenza per motivi ancora da accertare, è intervenuto cercando di fermarlo, ma questo lo ha colpito con il dorso dell’arma ferendolo. Solo i Carabinieri, intervenuti successivamente, sono riusciti a bloccare il 29enne e ad arrestarlo.

Quando i militari dell’Arma sono arrivati sul posto, l’uomo ha danneggiato gravemente anche la loro auto. Adesso le forze dell’ordine sono alla ricerca dell’uomo ferito nei vari ospedali della zona, visto che al loro arrivo non era più sul posto, per raccogliere anche la sua testimonianza e ricostruire la vicenda.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, cantante neomelodico e rapper simulano assalto a portavalori per girare un video musicale: fermati e segnalati alla procura

next
Articolo Successivo

Patrick George Zaki, a Bologna il corteo per il ricercatore arrestato in Egitto. Il sindaco Merola: “Vogliamo la sua libertà”

next