Matteo Salvini ci ripensa e contare le svolte, sul punto, diventa ora proibitivo. Se Giancarlo Giorgetti, da neoresponsabile Esteri della Lega aveva detto che “noi non vogliamo uscire dall’euro”, ora il segretario federale corregge di nuovo la rotta. “O l’Europa cambia o muore. E’ quello che dice anche Giorgetti, stiamo lavorando come matti per cambiare alcune regole europee a partire dal prossimo bilancio che tutti riconoscono come dannoso per l’Italia e italiani. Se queste regole europee cambiano, bene. Altrimenti non si può morire soffocati in una gabbia”. Quindi: “O l’Europa cambia o non ha più senso. Gli inglesi hanno fatto la loro scelta, noi stiamo cercando di cambiare le regole, pare che testardamente a Bruxelles nessuno voglia cambiarle, poi i popoli scelgono”. Insomma per la “svolta moderata” raccontata anche dai retroscena giornalistici non sembra ancora giunta l’ora.

Nel frattempo il leader del Carroccio smentisce qualsiasi contatto con l’altro Matteo, Renzi, leader di Italia Viva, cavandosela con una battuta: “Leggendo i giornali parlo con un sacco di gente, parlerei volentieri con Pioli (l’allenatore del Milan, ndr), ma tutto il resto è fantasia”. E di sicuro, garantisce, non risiederebbe di nuovo a un tavolo con i Cinquestelle. “Penso che sarà l’economia a condannare questo governo – dice – perché possono stare attaccati alla poltrona ancora per un pò, ma quando sei ultimo degli ultimi in Europa, evidentemente vuol dire che devi farti da parte”.

Durante una visita a un gazebo in piazza San Babila, a Milano, il leader del Carroccio ha parlato anche in previsione delle prossime regionali: “Usciamo dai recinti dei partiti, andiamo oltre. Secondo me il centrodestra non ha il diritto, ha il dovere di allargare”, ha detto mandando un messaggio agli alleati. Il senso è che “se ci sono persone anche al di là dei partiti, perché dire di no e chiudere la porta spartendosi i territori a livello di partito? Secondo me è un tentativo che va fatto. Poi visto che non si vota domani ma probabilmente a fine maggio, non vedo perché dire no, tu no”. Quando si vedranno i tre leader del centrodestra? “Presto, io sono sempre a disposizione”, ha risposto il leader leghista, confermando di non aver visto Giorgia Meloni, che ieri sera era a Milano per una cena di Fratelli d’Italia.

Dalle regionali si passa alle comunali di Milano: per Salvini non c’è bisogno di primarie per scegliere il futuro candidato sindaco del centrodestra. “Se ci sono nomi eccellenti che mettono d’accordo tutti, si può risparmiare tempo e denaro. Per Milano ho incontrato gente molto in gamba. ” prima se ne parla con gli altri prima si parte”, dice l’ex consigliere comunale di Palazzo Marino. A chi gli chiede se sarà un nome della società civile, “sì,sì assolutamente, senza tessere di partito in tasca. Non è un disvalore avere una tessera, ma se uno ha un’idea chiara per Roma, Milano, Torino e se è culturalmente di quest’area politica, è benvenuto”. Salvini sostiene di aver incontrato “persone di assoluto livello” e che con gli altri alleati “abbiamo l’ambizione di offrire un cambiamento ai milanesi a prescindere da chi sarà il candidato della sinistra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vitalizi, Crimi dal palco di piazza Santi Apostoli: “Nessuno tocchi le nostre leggi e quello che abbiamo fatto finora”

next
Articolo Successivo

M5s, in piazza è “sfida di selfie” con i militanti tra Di Maio e Taverna. Contestata la ‘Iena’ Filippo Roma

next