Un iceberg di 300 chilometri quadrati, delle dimensioni, approssimativamente, dell’isola di Malta, si è staccato dal ghiacciaio Pine Island, in Antartide. L’Agenzia spaziale europea, attraverso i suoi satelliti, ha fotografato in un arco temporale di un anno (da febbraio 2019 a febbraio 2020) il progressivo distacco degli enormi frammenti dall’area che contribuisce, per circa il 25%, della perdita di ghiaccio complessiva del continente. “Ciò che le immagini mostrano e che è davvero preoccupante – ha detto l’esperto di criosfera dell’Esa, Mark Drinkwater – è la velocità con cui il cambiamento climatico sta ridefinendo il volto dell’Antartide”.

Video Youtube/Esa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Le società petrolifere promettono svolte green. Ma sono annunci che fanno solo scena

next
Articolo Successivo

Roma, Cerroni vuole far riaprire Malagrotta e minaccia cause agli amministratori giudiziari

next