Un iceberg di 300 chilometri quadrati, delle dimensioni, approssimativamente, dell’isola di Malta, si è staccato dal ghiacciaio Pine Island, in Antartide. L’Agenzia spaziale europea, attraverso i suoi satelliti, ha fotografato in un arco temporale di un anno (da febbraio 2019 a febbraio 2020) il progressivo distacco degli enormi frammenti dall’area che contribuisce, per circa il 25%, della perdita di ghiaccio complessiva del continente. “Ciò che le immagini mostrano e che è davvero preoccupante – ha detto l’esperto di criosfera dell’Esa, Mark Drinkwater – è la velocità con cui il cambiamento climatico sta ridefinendo il volto dell’Antartide”.

Video Youtube/Esa

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le società petrolifere promettono svolte green. Ma sono annunci che fanno solo scena

next
Articolo Successivo

Roma, Cerroni vuole far riaprire Malagrotta e minaccia cause agli amministratori giudiziari

next