“Quelli che negano, i negazionisti di oggi, avranno un gran successo. Perché è più facile negare che le cose indicibili siano successe piuttosto che ammettere che l’uomo può arrivare a commettere cose indicibili”. Accolta da una standing ovation, questa mattina la senatrice a vita Liliana Segre ha portato la sua testimonianza nell’aula del Consiglio regionale della Lombardia. “Non c’è nessuna censura nella mozione della commissione contro l’hate speech – ha ricordato la senatrice – c’è solo il sentimento di chi l’odio l’ha visto praticare prima a parole e poi con i fatti e non può smettere di combatterlo. Il mondo va verso una deriva di odio e io invece voglio praticare pace e libertà”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritto alla casa, serve un milione di firme contro l’indifferenza europea sulla questione abitativa

next