Tutti gli aerei a terra fin da subito, con i voli coperti da altre compagnie fino al 25 febbraio. Dopo la messa in liquidazione di Air Italy decisa oggi dagli azionisti, sul sito della compagnia area sono comparse le istruzioni da seguire per chi ha già comprato un biglietto. Fino al 25 febbraio compreso (incluso il 26 mattina si viaggia verso Malpensa o se si parte da Male e Dakar) per i passeggeri non cambia nulla: gli orari previsti non subiranno modifiche e si potrà viaggiare con lo stesso biglietto, anche se a gestire il volo è un altro operatore. In alternativa, si può chiedere comunque il rimborso integrale. Per chi ha un volo di andata entro il 25 febbraio e un volo di ritorno successivo a questa data, per la seconda tratta sarà offerta un’opzione di viaggio sul primo aereo disponibile. Tutti i biglietti per i voli successivi al 25 febbraio saranno rimborsati integralmente, tranne quelli acquistati tramite agenzia di viaggi per cui sarà possibile anche trovare soluzioni alternative rivolgendosi alla stessa agenzia. Per averi maggiori informazioni si può chiamare dall’Italia il numero 892928. Per ottenere il rimborso del biglietto bisogna invece scrivere all’indirizzo email refunds@airitaly.com.

Ecco le istruzioni complete comparse sul sito di Air Italy:

Dall’11 al 25 febbraio 2020 incluso tutti i voli Air Italy saranno operati da altri vettori agli orari e nei giorni già previsti; tutti i passeggeri che hanno prenotato voli in partenza o in arrivo in date successive al 25 febbraio saranno riprotetti o rimborsati integralmente.

Più in dettaglio:
Tutti i voli previsti (in andata o ritorno) fino al giorno 25 febbraio 2020 compreso (incluse le prime partenze del mattino del 26 febbraio 2020 per voli domestici con destinazione Malpensa e dall’aeroporto di Male e Dakar) saranno regolarmente operati, senza alcuna modifica rispetto alle date e agli orari previsti e alle medesime condizioni di volo. I passeggeri potranno volare utilizzando il biglietto in loro possesso. Alternativamente, i passeggeri potranno sempre optare per il rimborso integrale del biglietto, scrivendo all’indirizzo email refunds@airitaly.com (o rivolgendosi alla propria agenzia di viaggi) entro l’orario di partenza del volo.
Per i biglietti con andata entro il 25 febbraio 2020 e ritorno dopo il giorno 25 febbraio 2020:
– il viaggio di andata sarà regolarmente operato, senza alcuna modifica rispetto alle date e agli orari inizialmente previsti e alle medesime condizioni di volo; per il volo di ritorno ai passeggeri sarà offerta un’opzione di viaggio sul primo volo disponibile di altro vettore, i cui dettagli saranno forniti a partire dal 18 febbraio 2020 chiamando il numero dall’Italia: 892928,dall’estero: +39078952682, dagli Usa: +1 866 3876359, dal Canada +1 800 7461888, o rivolgendosi all’agenzia di viaggi nel caso di acquisto tramite tale canale.
– Alternativamente i passeggeri potranno optare per la rinuncia delle tratte non fruite e il conseguente rimborso, scrivendo all’indirizzo email refunds@airitaly.com (o rivolgendosi all’agenzia di viaggi nel caso di acquisto tramite tale canale) entro l’orario di partenza del volo.
Per i biglietti relativi a voli con andata e ritorno dopo il giorno 25 febbraio 2020:
– Se acquistati direttamente via web (portale Air Italy) o contact center Air Italy saranno integralmente rimborsati secondo modalità che saranno fornite via email o scrivendo all’indirizzo refunds@airitaly.com
– Se acquistati tramite biglietteria Air Italy saranno integralmente rimborsati presentandosi ad una qualsiasi biglietteria Air Italy
– Se acquistati tramite agenzia di viaggi sarà necessario per il rimborso o per soluzioni alternative di viaggio, rivolgersi all’agenzia stessa.

Tutte le prenotazioni per le quali il titolo di viaggio non sia stato perfezionato tramite l’acquisto del biglietto decadranno automaticamente. Per maggiori informazioni, è a disposizione il numero verde dall’Italia: 892928, dall’estero: +39078952682, dagli Usa: +1 866 3876359, dal Canada +1 800 7461888.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riscatto laurea, cade il limite di età fissato a 45 anni: in pensione prima versando 5.260 euro per ogni 12 mesi di studio

next
Articolo Successivo

Bonus nido, al via le domande per il contributo fino a 3mila euro. Inps: “Richieste presentate nel 2019 sono in corso di liquidazione”

next