Di fronte allo stallo nella maggioranza sulla prescrizione, le minacce di Italia Viva di votare con l’opposizione per far saltare la riforma Bonafede in Aula e i tentativi di mediazione del presidente Giuseppe Conte, è il Guardasigilli Alfonso Bonafede ad attaccare i renziani: “All’interno della maggioranza di governo c’è chi si comporta come se fosse all’opposizione sul tema della riforma del processo penale. A volte ho dubbi che i testi glieli scrivano Salvini e Berlusconi”, ha provocato Bonafede, ai microfoni del Fattoquotidiano.it, a margine della inaugurazione dell’anno giudiziario del Consiglio di Stato a Roma. “Se sono disposto a un ulteriore passo indietro, anche oltre il lodo Conte (che non è considerato sufficiente da Italia Viva, che punta almeno sulla sospensione della riforma per un anno, ndr)? Leggo sui giornali di trattative di cui non sono a conoscenza“, ha tagliato corto il ministro della Giustizia. E ancora: “Il lodo Conte è frutto di un lavoro che è stato fatto ed una mediazione che è stata portata avanti dal presidente del Consiglio. Noi continuiamo a lavorare”.
Per poi attaccare sulla riforma del processo penale: “Il mio impegno è portare la riforma per accelerare i tempi del processo penale in Consiglio dei ministri, entro dieci giorni il testo della riforma deve essere esaminato. Poi lì Ciascuno si prenderà le proprie responsabilità”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Venezia, morì sepolta viva al nono mese di gravidanza: la corte d’Appello nega l’indennizzo ai parenti della vittima

next
Articolo Successivo

Prescrizione: il confronto sulla riforma ridotto a corrida da Renzi, penalisti e falsi garantisti

next