La Panchina d’oro 2018-19 va a Gian Piero Gasperini. Il tecnico dell’Atalanta, reduce da una storica qualificazione in Champions League con un terzo posto nel campionato 2018-2019, è stato il più votato dei colleghi di Serie A, B e C nella manifestazione che si è tenuta a Coverciano. Non è bastata a Massimiliano Allegri, arrivato secondo, la conquista del quinto scudetto di fila sulla panchina della Juventus per insidiare l’allenatore di Grugliasco. Al terzo posto Sinisa Mihajlovic, non presente alla premiazione per motivi di salute, al quale è andato il premio speciale per il settore tecnico. A ritirarlo il direttore sportivo rossoblu, Riccardo Bigon, che ha detto: “Sinisa è tornato in ospedale per le prove virali, voleva esserci, ci teneva molto”.

La Panchina d’oro femminile è invece di Betty Bavagnoli, allenatrice della Roma. Fabio Liverani, attuale mister del Lecce, ha ricevuto il premio per la Serie B, dopo aver conquistato la promozione nella massima serie, mentre Fabio Caserta, allenatore della Juve Stabia, ha ricevuto la panchina d’oro della Serie C.

Il premio Mino Favini dedicato ai giovani è andato invece al responsabile delle giovanili dell’Inter, Roberto Samaden: “Sono molto contento che si parli di giovani in questo evento e che ci sia un premio dedicato a loro – ha detto – Merito a Demetrio Albertini per questo nuovo corso. Ringrazio i colleghi che mi hanno votato e voglio ricordare Mino Favini. È un onore dieci volte più grande ricordare la sua figura. A me piace ricordare la disponibilità che ha sempre dimostrato e lo dico io che non ho mai lavorato con lui. Era un professionista e una persona speciale”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, il contrappasso di Urbano Cairo: sognava di fare il Berlusconi, ma si risveglia con un Torino da incubo

next
Articolo Successivo

Juventus-Fiorentina, Nicchi (Aia) a Commisso: “Sono gli arbitri a essere disgustati”. Il patron viola: “Non trattatemi come scemo d’America”

next