Ogni giorno la Nasa seleziona una foto del giorno. Ieri l’agenzia spaziale statunitense l’immagine di un italiano che ha immortalato una cometa famosa: la PanStarrs. Come una corona brillante nel cielo che pullula di stelle, una delle comete più celebri per la sua luce verde, è stata catturata dall’italiano Rolando Ligustri, veterano dell’astrofotografia dell’Unione Astrofili Italiani (Uai), specializzato nelle riprese di comete.

È la dodicesima volta che una sua foto viene selezionata dalla Nasa fra le più spettacolari (Astronomy Picture of The Day, Apod) e l’ultimo riconoscimento risale appena a novembre 2019, con uno scatto del bagliore azzurro di una cometa quasi immerso nel rosso di Marte. È un riconoscimento che si aggiunge ai tanti finora collezionati dagli astrofotografi italiani, con le spettacoli immagini dell’Etna, della spiaggia di Montalbano e delle Dolomiti. La cometa PanStarrs (C/2017 T2) è stata fotografata da Ligustri nelle notti del 24, 26 e 28 gennaio e l’effetto ottenuto dall’astrofografo friulano è quello di una corona che sormonta due ammassi di stelle dalla luce bianca e brillante. Per fotografarla Ligustri ha utilizzato un sistema robotico che funziona da remoto grazie al collegamento con telescopi negli Stati Uniti e in Australia.

Scoperta nel 2017 mentre era ancora oltre l’orbita di Saturno, la cometa fotografata da Ligustri, spiega la Uai sul suo sito, “sta attraversando un campo stellare nei pressi della costellazione di Perseo e, in particolare, vicino al doppio ammasso h e Chi Persei”, sottolineano gli esperti. “Ben conosciuti dagli astrofili e visibili anche a occhio nudo in cieli scuri, i due ammassi, catalogati anche come NGC 869, quello di destra, e NGC 884 – aggiunge l’Uai – sono separati tra di loro da poche centinaia di anni luce, distano circa 7.000 anni luce dalla Terra e contengono stelle più giovani e calde del Sole”.

Foto Rolando Ligustri (CARA Project, CAST)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, corsa contro il tempo per il vaccino. “Si sfrutteranno le tecnologie acquisite per Ebola”

next
Articolo Successivo

Isolato il coronavirus, cos’è l’Istituto Spallanzani: l’ospedale che gestì Ebola e Sars ha 400 tra medici e infermieri

next