Jorge Lorenzo sarà il collaudatore della Yamaha nella stagione 2020. Il pilota spagnolo, che si è ritirato al termine del 2019, ha guidato per la casa giapponese in MotoGp per 9 anni e vinto tre titoli in sella alla YZR-M1 tra il 2010 e il 2015. A partire dai test invernali in programma a Sepang, in Malesia, dal 2 al 4 febbraio, Lorenzo tornerà dunque sulla Yamaha e parteciperà anche ad altri test ufficiali Irta e ad alcuni test privati con l’unico scopo di aiutare gli ingegneri Yamaha nello sviluppo della MotoGp 2020. Per l’anno in corso, fa sapere la scuderia asiatica, “non è prevista alcuna corsa jolly per Lorenzo, ma la Yamaha è aperta alla possibilità, se dovesse decidere di correre di nuovo”.

Il maiorchino da parte sua si è detto “molto felice”, di aver “sempre pensato di rimanere coinvolto nella MotoGp e di tornare nel paddock” e di credere che “questo sia un ruolo adatto per me”. La Yamaha, ha ricordato, “si adattava davvero al mio stile di guida e sarà molto interessante ritrovarmi di nuovo con la mia vecchia moto”. “Abbiamo ottenuto molti podi e vittorie e tre titoli insieme, quindi sappiamo dove sono i nostri punti di forza – prosegue lo spagnolo – Voglio ringraziare Yamaha per questa opportunità, perché questo mi permette di fare ciò che amo, andare in moto e spingere al limite, e al contempo godermi uno stile di vita leggermente più calmo di quanto facessi negli anni scorsi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valentino Rossi, dal 2021 il Dottore non avrà più la Yamaha ufficiale: contratto a Quartararo

next
Articolo Successivo

MotoGp, presentata la nuova Yamaha M1. Rossi: “Il team non mi ha mancato di rispetto. Continuerò se sarò competitivo”

next