Antisemitismo e razzismo ci sono sempre stati: prima non c’era il momento politico per poterli tirare fuori, ma poi arrivano i momenti in cui ci si volta dall’altra parte, in cui è più facile far finta di niente e tutti quelli che approfittano di questa situazione trovano il terreno adatto per farsi avanti”. È un passaggio del discorso, che qui proponiamo integrale, che la senatrice a vita Liliana Segre ha fatto nell’Aula del Parlamento europeo. “”Da trent’anni sento una difficoltà psichica molto forte a ricordare e a parlare. Perché – ha aggiunto Liliana Segre – io ho visto quei colori, ho sentito quegli odori, ho sentito quelle urla”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), l’ex tesoriere Pdl Bianconi: “Casse del partito come pila dell’acqua santa, tutti ci mettono le mani”. L’appello di Gomez

next
Articolo Successivo

Bodyshaming, la testimonianza di Sensi (Pd) in Aula: “Mi chiamavano ‘cicciabomba’, ma non tutti ci scherzano. Ecco perché serve la norma”

next