Antisemitismo e razzismo ci sono sempre stati: prima non c’era il momento politico per poterli tirare fuori, ma poi arrivano i momenti in cui ci si volta dall’altra parte, in cui è più facile far finta di niente e tutti quelli che approfittano di questa situazione trovano il terreno adatto per farsi avanti”. È un passaggio del discorso, che qui proponiamo integrale, che la senatrice a vita Liliana Segre ha fatto nell’Aula del Parlamento europeo. “”Da trent’anni sento una difficoltà psichica molto forte a ricordare e a parlare. Perché – ha aggiunto Liliana Segre – io ho visto quei colori, ho sentito quegli odori, ho sentito quelle urla”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), l’ex tesoriere Pdl Bianconi: “Casse del partito come pila dell’acqua santa, tutti ci mettono le mani”. L’appello di Gomez

next
Articolo Successivo

Bodyshaming, la testimonianza di Sensi (Pd) in Aula: “Mi chiamavano ‘cicciabomba’, ma non tutti ci scherzano. Ecco perché serve la norma”

next