Se a casa o in ufficio avete una postazione multi-monitor, per giocare o per lavorare, sapete quanto fastidio possano dare le cornici che separano un pannello video dall’altro, per quanto sottili possano essere. Nel primo caso infatti ostacolano decisamente l’immersività, mentre nel secondo costituiscono un intralcio per chi ha bisogno di lavorare sui dettagli, e un elemento di distrazione. Per entrambi però Asus ha pronta una soluzione semplice quanto geniale: ROG- Bezel Free, un kit presentato nel 2018 e che ora arriva finalmente sul mercato, facile da installare ed economico, che promette di risolvere, o quantomeno attenuare fortemente, il problema.

Sostanzialmente si tratta di un accessorio che, posizionato ai bordi di due monitor affiancati, fa “sparire” le cornici. Come? Grazie a un trucco. Questi accessori infatti non sono altro che delle fasce regolabili in altezza, formate da lenti verticali, che riflettono i contenuti a schermo secondo un angolo di 130°, ovviamente non casuale, ma determinato scientificamente in base a test approfonditi Sfruttando la rifrazione della luce dunque Asus ROG-Bezel Free aiuta a dissimulare i bordi del monitor, facendoli sparire dal campo visivo.

Una soluzione di tipo ottico vantaggiosissima perché, essendo totalmente passiva, non richiede alimentazione o installazione di software per funzionare, ed è quindi anche facile da implementare e utilizzare. La superficie trasparente in pellicola e PET inoltre sarà in grado di catturare fino al 90% della luce emessa dal monitor, rendendo così quanto più uniforme possibile la luminosità delle immagini riflesse rispetto a quelle mostrate dai singoli monitor.

L’unica pecca è che si tratta di una soluzione non universalmente compatibile. Il kit Asus infatti per il momento è disponibile solo per monitor con una diagonale pari o inferiore a 27 pollici e dotati di cornici inferiori ai 13 mm di spessore. Asus ROG Bezel Free è attualmente venduto solamente negli Stati Uniti, al prezzo di 110 dollari. Il produttore taiwanese non ha divulgato piani riguardanti l’eventuale commercializzazione nel resto del mondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europa, settore hi-tech più sostenibile grazie al riciclo dei metalli rari

next
Articolo Successivo

Attenzione alle imitazioni degli auricolari Apple AirPods, possono essere pericolose

next