Vetrine spaccate e una svastica tracciata al contrario con la vernice nera, insieme a una croce celtica e a insulti razzisti. Un bar di Rezzato, in provincia di Brescia, è stato vandalizzato nella notte, proprio in occasione della Giornata della Memoria dedicata alle vittime della Shoah. Oltre ai simboli antisemiti, sul pavimento è comparsa la scritta “negra” indirizzata alla proprietaria del bar, una ragazza italiana ma di origini marocchine. “Non so se riaprirò il bar. Ora sono spaventata e turbata. Mi ha colpito che nessuno negli appartamenti vicini abbia sentito i rumori e denunciato”. Lo ha detto Madiha Khtibari, proprietaria del bar di Rezzato, nel Bresciano, preso di mira da un raid razzista e sessista con insulti ed una svastica disegnati sul pavimento. La donna ha chiuso temporaneamente l’attività. “Spesso ricevevo apprezzamenti insistenti dai clienti e anche minacce verbali. Per questo preferivo sempre farmi accompagnare all’apertura e alla chiusura del bar”.

Le foto del locale danneggiato sono state postate sul web da diversi abitanti del paese. Sono in corso le indagini: gli investigatori stanno visionando anche i filmati delle telecamere di sorveglianza della zona cercando di identificare i responsabili. “Ignobile e intollerabile: non si può definire in altro modo il vergognoso atto criminale di stampo razzista – Così il vice Ministro dell’Interno Matteo Mauri ha commentato l’episodio – Adesso basta. Contro questi episodi si interverrà con la massima severità. Alla titolare dell’esercizio commerciale invio la mia piena vicinanza e solidarietà. Fa molto riflettere che un atto del genere avvenga proprio il Giorno della Memoria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, 80 euro per 9 caffè a Castellammare. Politico si infuria: “Ladri”. Ma il bar lo denuncia

next
Articolo Successivo

Giorno della Memoria, lo sterminio dimenticato dei disabili. Paolini: “Furono i primi a essere uccisi. Su di loro furono sperimentati gas e forni”

next