Gli operatori telefonici non possono cambiare il contratto come vogliono. A stabilirlo è l’Agcom (l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni), che per la prima volta ha affermato questo principio in tre delibere pubblicate mercoledì. Sanzionati per 2 milioni di euro in totale i tre principali gruppi telefonici: Tim, Vodafone e Wind3. La ragione di questo provvedimento è l’inserimento nei contratti dell’opzione che fa scattare un addebito anticipato in caso di mancata ricarica prima dell’esaurimento del credito.

L’Autorità ha sottolineato però che l’aspetto più importante è il principio di base affermato, che riguarderà le future modifiche contrattuali. Principio che si è potuto stabilire grazie a una sentenza del Consiglio di Stato (8024 del 2019), che per la prima volta limitava il diritto di variazione in capo all’operatore. I provvedimenti dell’Agcom sono la prima vittoria dell’authority e delle associazioni dei consumatori in un lungo scontro a distanza con gli operatori telefonici.

Nel dettaglio, a finire nel mirino dell’Autorità è stata l’opzione che scatta in automatico quando si esaurisce il credito. In passato, una volta scaduta l’offerta mensile, non si poteva più telefonare e navigare su rete mobile, se era terminata anche la disponibilità sulla scheda telefonica. Ora, invece, gli operatori fanno un addebito per consentire di fruire temporaneamente dell’offerta. Denaro che è sottratto all’utente dopo la ricarica. Sembra un servizio utile, ma in realtà è soprattutto una fonte di incasso per le compagnie. Non ricordarsi di fare la ricarica prima della scadenza dell’offerta adesso costa di fatto almeno 90 centesimi al mese. Fatto che è percepito come una “tassa” sul ritardo della ricarica.

Secondo l’Agcom il problema non è il servizio in sé, ma il fatto che gli operatori lo hanno aggiunto ai contratti telefonici in modo forzoso, senza il consenso degli utenti. L’Autorità ha però stabilito che le variazioni operate dalla compagnia telefonica possono riguardare solo servizi già presenti nel contratto. Non se ne possono aggiungere degli altri. Nei prossimi mesi si vedrà a quali altri pratiche si applicherà il principio che limita le variazioni contrattuali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astaldi, il comitato obbligazionisti chiama a raccolta tutti in vista dell’assemblea: “Ecco i costi, chi e come può aderire”

next