La Commissione Ue ha avviato martedì una consultazione di sei settimane tra le parti sociali sul salario minimo per capire se è necessaria un’azione specifica a livello europeo per assicurare che tutti abbiano uno stipendio sufficiente. In ogni caso “non ci sarà un salario minimo per tutti”, spiega il documento in cui si annuncia l’iniziativa, che prende le mosse da uno degli annunci fatti dalla nuova presidente Ursula von der Leyen prima del suo insediamento. Le eventuali azioni dell’Unione sarebbero mirate a migliorare le condizioni di lavoro, affrontare il problema dei lavoratori poveri e dare a tutti le stesse opportunità pur tenendo conto della diversità dei contesti nazionali e istituzionali.

Alcuni Stati hanno già “ottimi sistemi”, nota Bruxelles, che ricorda come 22 Paesi abbiano salari minimi legali e sei abbiano invece salari stabiliti dai contratti collettivi. Si tratta di Danimarca, Svezia, Cipro, Austria, Finlandia e Italia, dove sia il Pd sia il M5s hanno firmato proposte di legge per introdurre un salario minimo legale ma per ora non sono stati fatti progressi. Tuttavia si stima che oltre l’80% dei lavoratori sia coperto dagli accordi collettivi. E, ha chiarito il commissario al lavoro Nicolas Schmit, “noi rispettiamo le tradizioni dei Paesi: tutto quello che riguarda la negoziazione collettiva non sarà toccato”.

Lo scopo della consultazione è capire se le parti sociali ritengono necessaria un’azione della Ue. La Commissione “vuole assicurare che tutti i sistemi siano adeguati e abbiano coperture sufficienti”. La consultazione sarà seguita, dopo un mese, da un’altra valutazione di ulteriori sei settimane e solo in seguito – non prima dell’estate – la Commissione potrebbe presentare una proposta. In ogni caso, ha chiarito Schmit, “non si è mai trattato di introdurre un salario unico europeo. Lavoriamo su un quadro giuridico per il salario minimo”, dato che “non tutti i Paesi europei hanno un salario minimo per legge: cinque o sei non hanno un salario minimo stabilito da un atto legislativo”.

L’agenzia Ue Eurofound in un dossier sul salario minimo riassume le cifre oggi previste nei Paesi che hanno un salario minimo. Si va dai 312 euro mensili della Bulgaria ai 2.142 del Lussemburgo. In Francia e Germania i minimi 2020 sono rispettivamente di 1.539 e 1.584 euro. In Grecia quest’anno la cifra è salita da 684 a 758 euro, pur rimanendo più bassa rispetto agli 863 euro del 2010, prima della crisi del debito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green deal, Parlamento Ue adotta risoluzione: respinta la richiesta di inserire il nucleare tra i settori da sostenere. M5s: “Lobby sconfitta”

next
Articolo Successivo

Parlamento europeo: “In Polonia e Ungheria gravi violazioni dello Stato di diritto”. E chiede di partecipare ad audizioni con i governi

next