“Non stiamo in alcun modo pensando di sciogliere l’alleanza con Renault“. E’ secca la risposta della Nissan alle indiscrezioni pubblicate nei giorni scorsi dal Financial Times, secondo cui la casa giapponese starebbe attuando un piano di progressivo distacco dal partner ormai ventennale.

Nella nota diffusa, si legge anche che “Nissan, Renault e Mitsubishi Motors hanno istituito l’Alliance Operating Board (AOB) nel marzo 2019 come base per il miglioramento continuo e per il successo futuro. L’AOB, che tiene riunioni su base mensile, è da allora l’unico organo che sovrintende alle operazioni e alla governance dell’Alleanza”.

Il comunicato chiarisce anche che “l’Alleanza è la fonte della competitività di Nissan”, e “attraverso l’Alleanza, per raggiungere una crescita sostenibile e redditizia, Nissan cercherà di continuare a fornire risultati vantaggiosi per tutte le aziende associate”.

Una chiusura abbastanza netta, insomma, rispetto all’ipotesi di un futuro divorzio. Ritenuto improbabile anche dal ministro dell’economia francese, Bruno Le Maire, che sollecitato in un’intervista all’emittente CNews, ha risposto: “Non ci credo. Non dovete prestare troppa attenzione alle voci – ha dichiarato il ministro – che sono dannose e che mirano solo a destabilizzare un gruppo industriale orgoglio del nostro Paese”. Alla prossima puntata.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renault-Nissan, si va verso il divorzio. I giapponesi premono per andarsene

next
Articolo Successivo

Giorgio Moroder ha inventato il sound dei motori di domani – AUDIO

next