“Non stiamo in alcun modo pensando di sciogliere l’alleanza con Renault“. E’ secca la risposta della Nissan alle indiscrezioni pubblicate nei giorni scorsi dal Financial Times, secondo cui la casa giapponese starebbe attuando un piano di progressivo distacco dal partner ormai ventennale.

Nella nota diffusa, si legge anche che “Nissan, Renault e Mitsubishi Motors hanno istituito l’Alliance Operating Board (AOB) nel marzo 2019 come base per il miglioramento continuo e per il successo futuro. L’AOB, che tiene riunioni su base mensile, è da allora l’unico organo che sovrintende alle operazioni e alla governance dell’Alleanza”.

Il comunicato chiarisce anche che “l’Alleanza è la fonte della competitività di Nissan”, e “attraverso l’Alleanza, per raggiungere una crescita sostenibile e redditizia, Nissan cercherà di continuare a fornire risultati vantaggiosi per tutte le aziende associate”.

Una chiusura abbastanza netta, insomma, rispetto all’ipotesi di un futuro divorzio. Ritenuto improbabile anche dal ministro dell’economia francese, Bruno Le Maire, che sollecitato in un’intervista all’emittente CNews, ha risposto: “Non ci credo. Non dovete prestare troppa attenzione alle voci – ha dichiarato il ministro – che sono dannose e che mirano solo a destabilizzare un gruppo industriale orgoglio del nostro Paese”. Alla prossima puntata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renault-Nissan, si va verso il divorzio. I giapponesi premono per andarsene

next
Articolo Successivo

Giorgio Moroder ha inventato il sound dei motori di domani – AUDIO

next