È morto il giornalista Italo Moretti, volto storico della Rai e a lungo inviato in Sud America. Aveva 86 anni, quasi settanta dei quali passati nelle redazioni. Moretti, nato a Giulianova, iniziò la sua carriera a 17 anni, collaborando da Perugia con alcuni quotidiani nazionali.

Entrò in Rai nel 1966: si occupò di sport, cronaca, politica interna e politica estera. Nel 1968 iniziò il suo lavoro in America Latina. Raccontò le delicate situazioni di quegli anni in Cile, Argentina e Uruguay. Nel 1976 Moretti entrò nella redazione del Tg2 continuando a dedicarsi al Sud America, ma anche alla politica di Portogallo e Spagna.

Nel 1987 fu nominato vice-direttore del Tg3 nella squadra composta da Sandro Curzi, primo direttore comunista di un telegiornale della terza rete pubblica, all’epoca guidata da Angelo Guglielmi. Del Tg3 diventò poi direttore nel 1995, vincendo la battaglia con Paolo Guzzanti, e dall’anno successivo al 1998 fu condirettore della Tgr.

Sopravvissuto a una sciagura aerea nello scalo di Addis Abeba, che raccontò vincendo il Premio Saint-Vincent, Moretti è sempre stato impegnato nella ricerca della verità sulla morte di Ilaria Alpi e divenne il presidente del Premio Ilaria Alpi per il giornalismo televisivo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Latina, a Itri almeno mille abitazioni ricevono acqua attraverso reti idriche abusive: “Le autorizzazioni le ha rilasciate il Comune”

next
Articolo Successivo

Roma, revocata la licenza al tassista che aveva preso a pugni un cliente all’aeroporto di Fiumicino

next