Nessuna manutenzione dal 2013 a oggi a un viadotto della bretella autostradale che collega Lucca alla A12 a Viareggio. Per questo motivo due amministratori e due funzionari della Salt, la Società Autostrada Ligure Toscana, sono indagati per “omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina”. Gli indagati sono il presidente del cda di Salt Fabrizio Larini e l’ad della società Claudio Vezzosi, insieme a Daniele Buselli, incaricato dal marzo 2015 degli interventi tecnici di manutenzione dell’autostrada, e Alberto Binasco, dal maggio 2015 delegato Salt alla sicurezza stradale. La notizia è stata anticipata dalla Nazione. Proprio da qualche mese Salt ha avviato lavori di risistemazione dei piloni e dei viadotti della bretella, tuttora in corso.

La Procura di Lucca ha aperto l’inchiesta sullo stato di salute dei piloni della Lucca-Viareggio dopo una serie di esposti e riguardano in particolare il degrado delle armature e dei calcestruzzi del viadotto “Montramito”. Non si tratta in questo caso di rischi per chi percorre la bretella, quanto invece per chi passa sotto ai piloni in auto o a piedi. Secondo quanto risulta alla procura, infatti, il degrado dei piloni avrebbe causato la caduta di materiale nella zona sottostante.

Per i magistrati gli indagati, a vario titolo, hanno omesso di adempiere all’obbligo di verifica di sicurezza per gli eventi sismici previsto dalle normative del 2003, e alla valutazione di sicurezza prevista dal decreto del ministero delle Infrastrutture del 2008. In dettaglio viene contestato ai vertici e ai tecnici il mancato espletamento dal 2013 in poi dei lavori di manutenzione sulle fondazioni, i fusti delle pile, i pulvini e l’intradosso degli impalcati del viadotto.

La Salt, al 95 per cento della Argo della famiglia Gavio, è la concessionaria che gestisce anche la A12 nel tratto Sestri Levante-Livorno e gran parte dell’Autostrada della Cisa da Parma a La Spezia.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tap, in 19 vanno a processo: ulivi espiantati, inquinamento falde e lavori senza permessi. Pm: “Illegittima l’autorizzazione ministeriale”

next
Articolo Successivo

Ilva, i giudici del Riesame sull’altoforno 2: “Già adesso i vecchi rischi per i lavoratori sono inesistenti. Coi lavori diminuiranno ancora”

next