“La guerra porta solo morte e distruzione”. Durante l’Angelus, Papa Francesco interviene nella crisi tra Usa e Iran innescata dall’uccisione del generale Qassem Soleimani, ordinato dalla Casa Bianca, e chiede a “tutte le parti a mantenere accesa la fiamma del dialogo e dell’autocontrollo” nonché “a scongiurare l’ombra dell’inimicizia”.

Quindi, rivolgendosi ai fedeli in piazza San Pietro, ha ricordato “l’impegno che ci siamo presi a capodanno, Giornata della Pace, La pace come cammino di speranza: dialogo, riconciliazione e conversione ecologica. Con la grazia di Dio, potremo metterlo in pratica”.

Già nella giornata di sabato, intervenendo sui social, Bergoglio aveva incitato a “credere che l’altro ha il nostro stesso bisogno di pace”. In un tweet il pontefice aveva ricordato: “Non si ottiene la pace se non la si spera. Chiediamo al Signore il dono della pace”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, il discorso di Iglesias (Podemos) in Aula per il nuovo governo con Sánchez: “Giustizia sociale miglior vaccino contro l’estrema destra”

next
Articolo Successivo

Iraq, il Parlamento: “Cacciare la coalizione occidentale anti-Isis”. L’Iran: “In caso di nuovo attacco Usa cancelleremo Israele dalle mappe”. Londra sta con Trump. Johnson: “Non piangeremo Soleimani”

next