Un coast to coast da record. Lo scorso 31 dicembre un giovane tunisino ha attraversato il canale di Sicilia in windsurf partendo da Kelibia in Tunisia e arrivando a Pantelleria (Trapani). L’impresa è stata documentata con alcuni video fatti con il cellulare. Si tratta di uno sportivo, secondo il console tunisino a Palermo, ma voleva arrivare in Italia per trovare un lavoro. Il giovane, senza documenti, ha detto di essere minorenne: è stato per questo, informano dalla Procura, ospitato in una comunità per minori. Non sarà pertanto rimpatriato, ipotesi che stava invece considerando in un primo momento la Questura.

In un post su Facebook un connazionale del ragazzo scrive: “Un altro campione che lasciamo scappare a causa della mala gestione degli pseudo responsabili di associazioni sportive. Lo vogliono presentare come un fallito che voleva scappare clandestinamente, ma qualcuno che realizza una tale impresa può essere solo un grande sportivo con una mente di ferro, proprio come i due giovani del Meme Club del resto partiti 3 mesi fa. Vergogna a voi banda di irresponsabili“.

Intanto il video girato dal ragazzo è già virale: “Il primo giorno del nuovo anno 2020 – si legge in un posto di Radio Cap Fm – il giovane con le sue attrezzature, riesce a raggiungere l’isola italiana di Pantelleria dopo un “bruciore di stomaco” attraverso una tavola a vela… La sua determinazione: il fuoco!”. L’impresa è stata confermata anche dalla Capitaneria di porto di Pantelleria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fiumicino, il ragazzino resta solo dopo l’arresto dello zio: notte di Natale a casa del poliziotto. Colletta tra gli agenti per i regali

next
Articolo Successivo

Code A14, fino a 15 km di incolonnamenti: 3 ore e 40 minuti per percorrere Vasto-Ancona. Ecco chi può chiedere il rimborso del pedaggio

next