Oltre mille persone provenienti da tutta Italia hanno raggiunto oggi la spiaggia della Feniglia a Orbetello, in provincia di Grosseto, per liberarla dai rifiuti in compagnia del rocker Piero Pelù. Il leader del Litfiba aveva annunciato la sua partecipazione lanciando un appello pochi giorni fa. Migliaia i cotton fioc e i dischetti in plastica raccolti dai volontari convocati da Legambiente. Centinaia le cassette di polistirolo, i mozziconi di sigarette, le bottiglie e i contenitori in plastica portati via dalla sabbia. Recuperati anche rifiuti ingombranti come sedie, taniche e copertoni. Pelù dalla spiaggia della Feniglia ha annunciato il ‘Clean Beach Tour‘, un percorso che lo porterà sulle spiagge italiane per replicare quanto fatto in occasione della data zero di oggi. Resa pubblica anche la seconda pulizia della spiaggia: l’appuntamento è a Sanremo a febbraio in una delle spiagge del Comune. Pelù sarà uno degli artisti in gara e proprio durante la kermesse musicale ha deciso di accendere nuovamente i riflettori sulla problematica del ‘marine litter’

video Facebook/FestambienteLegambiente

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cremona ormai sfida Taranto nell’acciaio. Ma il rischio ambientale è enorme

next
Articolo Successivo

Mosca, è l’inverno più caldo dal 1886: per le feste natalizie si ricorre alla neve finta

next