Dopo il quarto caso di meningite nella Bergamasca oggi a Sarnico è stata avviata la campagna vaccinale contro il meningococco C pianificata da Ats Bergamo e Regione Lombardia. La meningite è una infiammazione delle membrane di rivestimento del sistema nervoso centrale, le meningi, che avvolgono encefalo e midollo spinale. Esistono due forme della malattia, batterica e virale, entrambe mortali. Il contagio avviene per via aerea, ma occorre un contatto molto ravvicinato con la persona infettata. Nella prima fase della malattia, le prime 7-10 ore, i sintomi sono quelli di una normale influenza. Dopo 10 ore le manifestazioni cominciano a diventare più caratteristiche: mal di testa molto intenso, rigidità del collo e febbre elevata. Nell’ultima fase, tra le 20 e le 36 ore si presentano i sintomi gravi e tipici della meningite: perdita di conoscenza, convulsioni, macchie sul corpo”.

A essere maggiormente esposti, i bambini nella primissima infanzia e i giovani dai 15-18 anni ai 24-25 anni. Malgrado i progressi della medicina nella rianimazione e nell’assistenza al paziente la mortalità, pari a circa il 10%, non è diminuita. Ma quali sono gli strumenti in possesso della medicina moderna per contrastare la meningite e gli ultimi progressi della ricerca contro la malattia? “L’unica arma per difendersi, per proteggere soprattutto i bambini e chi è più vulnerabile all’aggressione dei batteri, è la vaccinazione, che è fondamentale, e possibile a qualsiasi età – spiegano gli esperti -. Chi non si vaccina, infatti, non danneggia solo se stesso, ma mette a repentaglio anche gli altri. Attualmente, infatti, accade anche che siano giovani adulti che non hanno effettuato i richiami vaccinali, o anziani non vaccinati, a contagiare bambini e neonati”.

Oggi sono disponibili vaccini specifici per la meningite batterica da Haemophilus influenzae di tipo B e per le forme, le più frequenti, causate dai ceppi principali del meningococco e dallo pneumococco. Uno degli aspetti ancora poco noti della meningite è capire come i batteri riescano a superare la barriera emato-encefalica, uno sbarramento che protegge il cervello da eventuali intrusioni nocive, sia di sostanze tossiche che di agenti patogeni, attraverso il torrente sanguigno.

Le vaccinazioni nella Bergamasca riguarderanno i residenti dell’Ambito Basso Sebino, che comprende i paesi bergamaschi di Adrara San Martino, Adrara San Rocco, Credaro, Foresto Sparso, Gandosso, Parzanica, Predore, Sarnico, Tavernola, Viadanica, Vigolo e Villongo.
Anche domani (dalle 9 alle 16) e lunedì (dalle 9 alle 16) resteranno aperte le vaccinazioni. Inoltre, da martedì 7 a venerdì 10 gennaio i residenti di Villongo potranno sottoporsi alla vaccinazione nell’ambulatorio straordinario aperto in municipio dalle 13,30 alle 16,30. Ats Franciacorta ha attivato l’ambulatorio vaccinale a Paratico (Brescia), dove sabato 4, domenica 5 e lunedì 6 gennaio verranno vaccinati esclusivamente i residenti di Paratico. Martedì i sindaci dell’Ambito Basso Sebino bergamasco incontreranno Ats per pianificare l’apertura dei nuovi ambulatori vaccinali straordinari a Gandosso, Credaro, Predore.

“Non siamo davanti ad un’emergenza. Non ci sono i numeri e abbiamo gli strumenti per prevenire” ha spiegato in una intervista all’Ansa il direttore sanitario degli Spedali Civili di Brescia Camillo Rossi, che ha seguito i quattro casi, e due decessi, di meningite nell’ultimo mese. Casi che hanno colpito persone, tre donne e un uomo, residenti nella stessa zona tra la provincia di Brescia e quella di Bergamo. Rossi intende però lanciare un messaggio per tranquillizzare i residenti nella zona tra la sponda bresciana e quella bergamasca del lago di Iseo. “I quattro casi hanno in comune la residenza e il tipo di meningite. Nessun altro elemento. Si sta agendo per prevenire un’epidemia che oggi comunque non c’è. Visto che stiamo parlando di una zona specifica è corretto pensare ad un portatore sano di Meningococco C”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trapianti, record del Niguarda di Milano: in cinque giorni 15 organi impiantati in undici pazienti tra cui due bambini

next
Articolo Successivo

Il nuovo cacciatore spaziale di pianeti ha scovato “una sorella della Terra”

next