Nuove indagini con proroga di due mesi. Lo ha deciso il giudice per l’udienza preliminare di Arezzo, Piergiorgio Ponticelli, nel filone per bancarotta colposa di Banca Etruria dedicato alla liquidazione dell’ex direttore generale Luca Bronchi, fascicolo per cui la procura aveva chiesto l’archiviazione. Tra gli imputati c’è anche Pierluigi Boschi, vicepresidente dell’ultimo cda. La decisione del gup su questa tranche era attesa entro oggi ma la necessità di nuovi accertamenti sulla posizione di alcuni imputati la fanno slittare ai primi di marzo.

In questo filone della bancarotta di Bpel il giudice deve decidere sulle posizioni degli indagati, non solo Pierluigi Boschi, padre dell’ex ministra Maria Elena, ma anche altri componenti dello stesso consiglio di amministrazione e dirigenti dell’epoca dei fatti. La liquidazione, per un netto di circa 700.000 euro, fu erogata all’ex dg Luca Bronchi nel 2014.

Nei nuovi accertamenti il giudice Ponticelli ha chiesto approfondimenti sull’ex membro del cda Giovanni Grazzini il quale si astenne al momento del voto sulla liquidazione da erogare all’ex dg Bronchi. Altri accertamenti chiesti sempre dal gup alla procura riguardano i dirigenti della banca Daniele Cabiati ed Emanuele Cuccaro. La procura chiedendo l’archiviazione per la vicenda della liquidazione a Bronchi aveva escluso l’ipotesi di fatto di bancarotta fraudolenta. La decisione riguarda gli imputati Alessandro Benocci, Rosanna Bonollo, lo stesso Boschi, Claudia Bugno, Carlo Catanossi, Alessandro Liberatori, Luigi Nannipieri, Luciano Nataloni, Anna Maria Nocentini Lapini, Claudio Salini e Ilaria Tosti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, la Finanza sequestra 223mila euro di beni a ex funzionario Inps: “Ha cancellato i debiti di 13 aziende”

next
Articolo Successivo

Banda della Uno Bianca, i familiari delle vittime: “Riaprire le indagini. Permesso premio ad Alberto Savi? Si vergognino”

next