Disastro aereo in Sudan, dove secondo quanto riferisce l’esercito un aereo militare che trasportava un gruppo di feriti è precipitato nella regione del Darfur causando la morte di tutti i passeggeri, almeno 18 persone tra cui dei bambini.

Il velivolo, un Antonov, è precipitato cinque minuti dopo il decollo dall’aeroporto di El Geneina, capitale dello Stato del Darfur Occidentale, nell’ovest del Sudan, dove aveva trasportato aiuti umanitari, precisa un comunicato dell’esercito sudanese.

L’aereo era diretto a Khartoum e trasportava un gruppo di persone rimaste ferite durante un conflitto tribale nel Darfur, per essere curate nella capitale. Le cause del disastro non sono ancora chiare, né è noto il numero esatto di persone che si trovavano a bordo. La città di El Geneina è stata teatro negli ultimi giorni di scontri tra tribù arabe e africane che hanno causato la morte ci quasi 50 persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, via libera al governo Psoe-Podemos grazie all’astensione degli indipendentisti di Erc. Che ottengono un tavolo sulla Catalogna

next
Articolo Successivo

Libia: i turchi in arrivo sono un problema, ma non certo il male peggiore

next