La Spagna ha (quasi) un governo: lo guiderà Pedro Sanchez e sarà formato dall’alleanza fra i suoi socialisti e la sinistra antisistema di Podemos di Pablo Iglesias, più i nazionalisti baschi del Pnv. La fumata bianca, attesa dopo mesi di impasse e quattro elezioni anticipate in quattro anni, è stata permessa dalla sinistra indipendentista catalana di Esquerra Republicana de Catalunya, il cui Consiglio nazionale in serata ha approvato a stragrande maggioranza il voto di astensione dei suoi 13 deputati. E che consentirà a Sanchez di avere la maggioranza al voto di fiducia (che in Spagna si chiama “investitura”), calendarizzato il 7 gennaio.

Secondo quanto riporta El Mundo, il Psoe ha concordato con gli indipendentisti la creazione di un tavolo negoziale per discutere la situazione in Catalogna da istituire entro quindici giorni dalla formazione del nuovo esecutivo. Ci sarà quindi un prezzo politico: il riconoscimento del “conflitto catalano” come “politico”, e non più solo come crimine istituzionale. Conflitto che andrà quindi risolto con un “tavolo negoziale bilaterale”, che non preveda “veti” su alcuna proposta, come è scritto nero su bianco nell’accordo Erc-Psoe, di cui il quotidiano El Pais ha anticipato il testo. Non si potrebbe dunque escludere nemmeno un’eventuale riproposizione del “referendum sull’autodeterminazione” della Catalogna, dopo quello unilateralmente convocato dalla Generalitat di Barcellona e finito con una sequela di arresti e condanne, tra cui quella del leader dell’Erc, Oriol Junqueras. I repubblicani catalani hanno chiesto che il tavolo abbia come condizioni che il negoziato sia fra ‘governì, non abbia preclusioni o argomenti tabù e abbia invece un calendario di lavori.

Concessioni non da poco strappate ai socialisti di Sanchez, che nella campagna per le elezioni politiche di novembre avevano ostentato intransigenza nei confronti dell’indipendentismo catalano, che diventò il maggiore ostacolo a un accordo preelettorale con Podemos, favorevole ad un’apertura politica. Un prezzo del quale Sanchez sarà chiamato a rispondere politicamente dall’opposizione: il Partido popular (Pp), fautore dell’intransigenza ‘giustizialista’, i centristi di Ciudadanos e ovviamente l’ultradestra di Vox, che deve gran parte dei suoi 52 seggi in Congresso, la Camera bassa del parlamento spagnolo, alla sua totale opposizione a qualsiasi disunità della Spagna.

Il Paese ora si avvia ad avere, per la prima volta nell’era democratica del dopo-Franco, un governo decisamente spostato a sinistra, per formare il quale non bastavano da soli i seggi dei socialisti e di Podemos, che assommano a 155 su 350 deputati. I 13 astenuti dell’Erc e i 7 del Pnv non bastano ancora per la maggioranza di 176 richiesta per passare il primo voto di fiducia, in programma nel fine settimana. Ma è previsto che passi il secondo, il giorno dopo l’Epifania, in cui sarà richiesta la maggioranza semplice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

TikTok, l’esercito degli Usa vieta ai militari l’utilizzo del social cinese: “È una cyberminaccia”

next
Articolo Successivo

Sudan, aereo militare precipita in Darfur: ci sono 18 morti, anche bambini

next