È pronto a nascere il nuovo governo spagnolo Sanchez-Iglesias, con i due leader che oggi hanno firmato e presentato al Congresso il loro accordo di governo. E a sbloccare la situazione, dopo le ultime ed ennesime elezioni, lo scorso 10 novembre, potrebbe essere l’Avvocatura dello Stato spagnola, direttamente dipendente dal governo di Madrid, che lunedì ha chiesto alla Corte Suprema di autorizzare l’indipendentista catalano Oriol Junqueras, condannato a 13 anni di reclusione per sedizione, ad uscire dal carcere per svolgere le sue funzioni di eurodeputato, come richiesto recentemente anche dalla Corte di Giustizia dell’Ue. Un gesto che accontenta le richieste di Esquerra Republicana, il partito degli indipendentisti di sinistra che detiene 13 seggi nel nuovo Parlamento e che, con un’astensione al prossimo voto di fiducia all’esecutivo PsoePodemos, renderebbe possibile la formazione del nuovo governo, sostenuto anche dai baschi del Pnv.

Nel suo rapporto l’Avvocatura, comunque, chiede al più alto organo giudiziario spagnolo di sollecitare “il più rapidamente possibile” il Parlamento europeo al fine di sospendere l’immunità del presidente di Erc. Resta quindi da vedere se questa posizione favorirà un accordo tra i Socialisti del capo del governo Sanchez e il partito di Junqueras.

Intanto, Iglesias e Sanchez hanno già firmato e presentato al Congresso l’accordo di governo chiamato “Coalizione Progressista. Un nuovo accordo per la Spagna”. Il testo, di circa 50 pagine, prevede tra l’altro un’ambiziosa riforma fiscale con aumento delle tasse per le fasce più ricche e le grandi imprese, un aumento significativo del salario minimo e mantiene un chiaro accento sociale e femminista. Il programma concordato fra Sanchez e Iglesias prevede anche l’abolizione della contestata ley mordaza (legge bavaglio) sulle manifestazioni voluta dal governo conservatore di Mariano Rajoy, oltre al ripristino di alcune tutele per i lavoratori che il leader Popular aveva cancellato con la sua riforma del 2012. Il voto di fiducia al nuovo esecutivo, riportano i media spagnoli, potrebbe arrivare fra il 2 e il 7 gennaio.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camerun, assalto armato alla petroliera Happy Lady: 8 marinai sequestrati, cinque sono greci

next
Articolo Successivo

Parigi, l’orchestra dell’Opéra Bastille in sciopero: il concerto all’aperto per protestare contro la riforma delle pensioni di Macron

next