Un uomo, a volto coperto e armato di machete, è entrato nella casa di un rabbino a Monsey, a circa 50 chilometri a nord di New York, e si e’ scagliato sui presenti, seminando il panico. Almeno cinque persone sono rimaste ferite, di cui due in gravi condizioni. L’aggressione è avvenuta durante la settima giornata delle celebrazioni di Channukah. Secondo i media americani l’autore, che era riuscito a scappare nonostante i vari tentativi di fermarlo (anche con un piccolo tavolo per bloccargli il passaggio), è stato arrestato dalla polizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Certe rivoluzioni puntano a trasformare il potere. Per farlo servono piccoli passi quotidiani

next
Articolo Successivo

Austria, Popolari e Verdi verso un accordo per la formazione del nuovo governo. Kurz: “Gli ostacoli più grandi sono stati superati”

next