Fine anno, tempo di bilanci. Se l’anno in questione è quello sportivo, l’elenco delle emozioni da ripercorrere sarebbe interminabile. Un elenco soggettivo perché inevitabilmente legato al tifo per un campione o una squadra. Ma ci sono alcune emozioni che appartengono a tutti, perché appartengono allo sport, agli sportivi.

1. Inizio a celebrare le sorprese del 2019 con la più fresca, costruitasi per tutto l’anno ma consacratasi da pochissimo con la qualificazione agli ottavi di Champions League. Sto parlando dell’Atalanta, la squadra di Gian Piero Gasperini poteva entrare in quest’elenco già a maggio grazie al terzo posto in Campionato e al numero di gol segnati nell’anno solare (81), superiore a quello di tutte le altre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sci, Paris vince per la quinta volta la discesa di Bormio. A 25 anni dal trionfo di Tomba, un italiano è in testa alla Coppa del Mondo

next
Articolo Successivo

Verso Euro 2020, le tre svolte di Roberto Mancini per raggiungere il Rinascimento

next