In Italia, il Boxing Day non ha mai attecchito: ci hanno provato lo scorso anno a far giocare la Serie A a Santo Stefano, senza grande successo. Spettatori in calo per le tv, spalti vuoti: esperimento da bocciare. Ci avevano provato anche in passato quando c’era solo la Rai, le tv non dettavano legge e Tutto il Calcio Minuto per Minuto univa l’Italia.

Il penultimo Boxing Day, però, non può essere dimenticato: un pezzo di storia dal deciso sapore di provincia, di tv in bianco e nero, di spalti pieni. E all’epoca in pochi l’avrebbero chiamato Boxing Day: era semplicemente l’undicesima di Serie A, nel giorno di Santo Stefano. In quel campionato la testa della classifica era pressoché identica a quella di adesso: le prime undici squadre di allora sono tutte lì anche oggi. Mancano solo Lazio e Parma. La coda, invece, era completamente diversa: Varese, Catanzaro, Mantova. Squadre di calcio che ai bambini e agli adolescenti di oggi sono praticamente sconosciute: forse per i più appassionati saranno semplici stemmi da attaccare al sempreverde album dei calciatori.

Quel Mantova, in quel match di Santo Stefano, affrontava la Juventus al Comunale. Oramai lontani i tempi del “piccolo Brasile” di Fabbri, i biancorossi erano tornati in A dopo aver vinto il campionato cadetto con Giagnoni in panchina. Il mister si era fatto notare e infatti, al termine di quel campionato di B vinto, aveva ceduto alla corte del Toro portandosi anche Topolino Toschi, l’attaccante più prolifico dei biancorossi. Anche altri protagonisti della promozione, da Blasig a Bonci, erano andati via. E dunque in panchina viene scelto Renato Lucchi, navigato tecnico reduce da due buone stagioni in A sulla panchina del Verona. La squadra però non gira e a parte qualche exploit, come la vittoria a San Siro sul Milan, si intuisce dalle numerose sconfitte che la stagione sarà difficile.

E a Santo Stefano il Mantova va a Torino: sulla panchina dei bianconeri siede il ceco Vycpàlek, zio materno di Zdenek Zeman. Al Comunale, sulla carta, la sfida sarebbe impari, ma nel primo tempo i biancorossi mettono paura alla Signora: Nuti ci prova, Carmignani para, e la Juventus di Bettega, Causio, Capello e Anastasi non sfonda il muro biancorosso. Un punto sarebbe importantissimo per la squadra lombarda, perché all’epoca la vittoria valeva solo 2 punti e un pareggio al Comunale avrebbe dato morale agli uomini di Lucchi.

La differenza di valori alla fine, però, viene fuori: dopo venti minuti dall’inizio del secondo tempo Anastasi ne fa due in cinque minuti, Nuti accorcia le distanze a dieci minuti dalla fine e il Mantova prova il forcing disperato per pareggiare, ma invano. Si esce da Torino tra i complimenti, ma senza punti. Da lì per i biancorossi comincia una serie di sei sconfitte consecutive fatali per la panchina di Lucchi sostituito dal vice Uzzechini. Ma neanche il cambio al vertice darà i frutti sperati: il Mantova dirà addio alla permanenza in massima serie assieme a Varese e Catanzaro.
Addio per sempre, visto che quella del 1971/72 sarà l’ultima stagione dei biancorossi in serie A. La Juve invece vincerà il campionato, pur impattando a Mantova al ritorno. Un osso duro, i lombardi, per la Juve, solo una volta vittoriosa a Mantova, più volte fermata a Torino dai virgiliani.

Pure in B, nel 2006, la Juve con Nedved, Del Piero, Trezeguet, Buffon e Camoranesi vide interrotta la sua marcia trionfale proprio a Mantova, sconfitta con un autogol di Kovac. E oggi che il Mantova domina il campionato di Serie D e ambisce al ritorno tra i professionisti, le sfide con la Juve sono dolci ricordi. Meno quelli di un lontano Boxing Day.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zlatan Ibrahimovic torna al Milan. Lo svedese ha detto sì: “Firmerà un contratto di 6 mesi”

next
Articolo Successivo

As Roma, Pallotta a un passo dalla vendita del club a Friedkin: “Offerta vicina ai 780 milioni”

next