Un viaggio cambia tutto, le ambizioni, i progetti. Si parte con una valigia e si ritorna a casa con un bagaglio di esperienze e di desideri. Soprattutto quando la meta del tuo viaggio è un posto in cui sei sicura che con pochissimo si potrebbe cambiare la vita di tante persone. Come nella storia delle ragazze e dei ragazzi che hanno fondato l’Associazione “L’Ayurveda dei Laghi”. Due di loro, Elena e Gaspare, hanno trascorso un anno e mezzo a Freetown in Sierra Leone, occupandosi della formazione di personale locale nel contesto di un ristorante-pizzeria italiano. Da questa esperienza è nata un’idea: perché non permettere ai giovani di partecipare a stage di formazione in Italia?

“In Sierra Leone le lacune nelle proposte formative creano dei presupposti per un necessario approfondimento teorico e pratico delle professioni – spiega Elena. Nel nostro caso, in ambito ristorativo e dell’ospitalità. Nonostante ciò, abbiamo riscontrato un’ottima ricettività nell’apprendimento di metodologie e procedure che spaziano dalla pizzeria alla cucina, dal bar alla sala, alla gelateria”. L’obiettivo è quello di far svolgere tre mesi di stage in strutture ricettive che si sono già rese disponibili a ospitare i ragazzi provenienti da Freetown e seguirli nel processo di formazione.

“Desideriamo fortemente che questo progetto evolva fino a includere un numero sempre superiore di giovani – continua Elena su GoFundMe. Questa esperienza, infatti, non solo permetterà alle singole persone formate di rientrare nel loro paese con un bagaglio formativo spendibile all’interno di varie strutture ricettive che richiedano personale qualificato e affidabile, ma di conseguenza anche un innalzamento del livello qualitativo della professionalità in genere in questo settore”.

E così la grande ospitalità ricevuta da Gaspare ed Elena si trasforma in qualcosa di diverso: un progetto educativo e formativo a tutto tondo. Per ogni ragazzo serviranno circa 7mila euro, per le spese di passaporto, il volo, il visto e tante altre spese. Per questo motivo hanno lanciato una raccolta fondi che ha bisogno del supporto di tutti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Caporalato e riduzione in schiavitù, condanne fino a 20 anni per la banda dei boschetari

next
Articolo Successivo

Supermercati, l’acquisizione di Auchan è un affare per Conad (insieme a Mincione). Ma i dipendenti pagano un conto salato

next