Le storie che ci raccontiamo sono importanti: danno forma alle nostre reazioni, alle nostre decisioni, a cosa insegniamo ai bambini. Siamo persone accoglienti o siamo un popolo che non vuole essere sfruttato? Siamo persone che lavorano insieme e che sono attente l’una all’altra o un popolo che si focalizza sull’andare avanti?

A guardare le notizie, si potrebbe pensare che le persone stiano diventando più dure, più indifferenti alle sofferenze altrui e meno accoglienti. Vediamo parlamentari che urlano l’uno contro l’altro nei talk show e persone che negano l’accesso ai nostri porti o – ancor peggio – alle nostre barche di salvataggio.

E vale la pena ricordarlo mentre ci avviciniamo al Natale e riflettiamo sulla fine dell’anno. Vedo milioni di persone che sono profondamente preoccupate per gli altri e impegnate a garantire che le persone abbiano accesso all’assistenza sanitaria, al riparo e alla giustizia che desiderano. È un’Italia empatica.

Vediamo amici e familiari che lanciano campagne perché hanno a cuore il destino delle persone care, come un’amica di famiglia di Aria, la bambina che ha avuto accesso a un trapianto di midollo osseo grazie a una serie di eventi lanciati dalla petizione. E vediamo persone totalmente estranee commosse dall’empatia, che tendono una mano e fanno qualcosa per una situazione drammatica. Quando la gente ha sentito – dalle notizie in tv – parlare del giovane Alvin in Albania, sono subito state lanciate decine di petizioni per cercare di riportarlo indietro. Quando la gente ha sentito parlare di giornalisti, informatori o agenti di polizia che hanno perso le loro scorte, hanno lanciato e firmato petizioni per ripristinarne la protezione.

Questi sono importanti atti di empatia per gli individui e anche per le nostre istituzioni. Michele Romano aveva un cuore così grande che, anche mentre aspettava un trapianto di cuore, lanciò una petizione per garantire un accesso più facile a tutti i trapianti salvavita. Successivamente la ministra della Salute Giulia Grillo ha risposto a lui e agli oltre 107mila altri firmatari, ma abbiamo bisogno che questo governo finisca il lavoro intrapreso a riguardo. I commenti che le persone scrivono su queste petizioni rivelano quanta empatia ci sia in questo paese.

Non è vero che le persone hanno perso i loro valori o che sono apatiche. Al contrario, ogni giorno assistiamo a una scrosciante esplosione di gentilezza, di preoccupazione e attenzione, e proviamo a contribuire nel trasformarla in successo, sotto forma di accesso alle cure, di una nuova legge o di qualche altra soluzione.

Martin Luther King Jr. ha affermato, notoriamente, “il potere al massimo è l’amore che attua le esigenze della giustizia, e la giustizia al suo meglio è il potere che corregge tutto ciò che è contrario all’amore”.

Questi non sono solo tempi di divisione, ma anche momenti in cui le persone si incontrano come mai prima d’ora. Quella empatia, per le persone vicine e le persone lontane, per i propri cari e gli estranei, è ciò che ci salverà. Ancor più del 2019, facciamo del 2020 l’anno dell’empatia per tutti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chiesa, un nuovo sito per seguire le canonizzazioni. Così si traccia l’identikit dei santi

next
Articolo Successivo

Gli “eroi” civili di Mattarella: le medaglie del Quirinale, dalla biologa in Amazzonia al sacerdote degli ultimi. Le storie dei premiati

next