L’autodromo del Mugello di Scarperia è avvolto nella nebbia, la temperatura vicina allo zero. I box sono stati trasformati in una sala di accoglienza per le persone sfollate dopo la scossa di terremoto di magnitudo 4.5 avvenuta il 9 dicembre alle 4.30, con epicentro a Scarperia. “Dormiamo qui da quattro notti”, spiega Rita Banchetti, “durante il giorno riusciamo a tornare a casa aspettando i controlli, quando cala la sera subentra la paura delle scosse”. La prima notte l’hanno passata in macchina, sotto la pioggia, poi è venuta al centro di accoglienza con tutta la famiglia.

Circa 120 persone dormono ancora nei ricoveri organizzati dalla Protezione Civile tra l’autodromo di Scarperia e la palestra della scuola media di Barberino di Mugello, dove viene offerta anche l’assistenza psicologica. Giovanna Baldassarri è appena arrivata al centro di accoglienza di Barberino, per trascorrere la notte con i due figli di dieci e 12 anni. “La nostra casa si trova al terzo piano, la sera i bambini hanno paura di non svegliarsi quando arrivano le scosse e di non fare in tempo a scendere“, racconta Giovanna. “I miei figli mi chiedono spesso perché non si parli più dei bambini che hanno vissuto i terremoti dell’Aquila e di Accumoli: sono bambini come noi, come staranno vivendo? “.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maltempo, tromba d’aria scoperchia palazzo dello sport di Lauria: il tetto finisce su una palestra vicina, 8 feriti. Grave una ragazza

next
Articolo Successivo

Sicurezza dei giocattoli, la campagna dell’Agenzia delle Dogane con Paolo Bonolis: “Il 50% è pericoloso per i bambini”

next