La coltivazione mette l’uomo in rapporto con la natura: questa relazione si può vivere in molti modi.

L’agricoltura intensiva che privilegia la monocoltura intende controllare ogni fattore in gioco e rimuovere in modo scientifico tutto quello che ostacola i suoi obiettivi. In quest’ottica si sfrutta il suolo fino a depredarlo totalmente, si basa la nutrizione delle piante su fertilizzanti chimici a rapida cessione, si impiegano pesticidi per eliminare patogeni e parassiti, si diserba ogni specie spontanea chimicamente, si selezionano sementi ibride e ogm.

La coltivazione biologica ha una visione differente, che parte dal presupposto di assecondare e imitare la natura. Ovviamente ogni spazio coltivato non è più un equilibrio naturale, risente dell’intervento dell’uomo e questo vale anche per l’orto biologico. Tuttavia il metodo bio si accosta con rispetto a ogni processo naturale, assecondando quelle dinamiche che sono favorevoli alle piante coltivate.

L’intervento rispettoso del metodo bio può rivelarsi sotto molti aspetti più efficace di quello convenzionale. Scopriamo cinque ottimi motivi per coltivare bio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nutella, ecco perché per me non è proprio tutto oro quel che luccica

next
Articolo Successivo

Treni a idrogeno, Piemonte guida la sperimentazione green in Europa: “Abbiamo grande know-how. All’Italia servono incentivi”

next