La Cina ha ordinato agli uffici governativi e alle istituzioni pubbliche di sostituire computer e software stranieri con tecnologie nazionali entro tre anni. Lo riporta il Financial Times, che dà notizia di una direttiva dell’Ufficio centrale del Partito comunista cinese. Si tratterebbe di un duro colpo per Hp, Dell e Microsoft. Secondo il giornale finanziario londinese, le compagnie americane hi-tech guadagnano almeno 150 miliardi di dollari l’anno in Cina. La misura è la prima direttiva nota al pubblico che contiene obiettivi specifici per gli acquirenti cinesi di passare ai fornitori domestici di tecnologia.

La politica è una risposta alle mosse dell’amministrazione Trump per frenare l’uso della tecnologia cinese. Washington ha infatti vietato alle imprese statunitensi di fare affari con Huawei e ha proposto di istituire un controllo preventivo sulle vendite di prodotti tecnologici negli Usa provenienti da “avversari stranieri”. Inoltre, Trump ha fatto pressioni sugli alleati europei per escludere Huawei dai progetti di rete 5G.

Il piano di Pechino è graduale ma serrato. Soprannominato “3-5-2“, prevede un primo taglio della tecnologia straniera pari al 30% entro il 2020, al 50% nel 2021 e al residuo 20% nel 2022. La politica del 3-5-2, afferma il quotidiano della City, fa parte di un più grande programma che vuole spingere le agenzie governative cinesi e gli operatori di infrastrutture critiche a usare tecnologia “sicura e controllabile”, come sancito dalla legge sulla cyber-sicurezza emanata nel 2017. Ma le recenti sanzioni degli Stati Uniti hanno reso più urgente il progetto.

Analisti di China Securities stimano che dovranno essere rimpiazzati fra venti e trenta milioni di pezzi hardware. Ma gli esperti dicono che sarà difficile sostituire i software con alternative cinesi, perché la maggior parte dei produttori sviluppano software per sistemi operativi fatti negli Usa, come Windows o macOS.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Finlandia, Sanna Marin è la più giovane premier del mondo e ha due mamme. Una notizia che fa leva su una speranza

next
Articolo Successivo

Elezioni a San Marino: la sinistra spazzata via dalla Democrazia cristiana. Alleanza col movimento Rete per formare il governo

next