Polemiche sulla sfilata dei Krampus, a Vipiteno, in Alto Adige. La tradizionale parata si svolge nei giorni di San Nicola, con alcuni abitanti mascherati da diavoli, i Krampus appunto, che si scagliano contro i giovani spettatori (i “provocatori” secondo l’usanza) del posto, sporcandoli di fuliggine e colpendoli con una sorta di ramazza di legno. Un video, girato da una finestra e pubblicato su Facebook, mostra alcuni momenti dell’ultima edizione, con i Krampus che inseguono e picchiano i passanti per strada, con scudisciate e calci. Una violenza che ha scatenato una serie di critiche, tanto che l’associazione che ogni anno organizza l’evento è intervenuta su Facebook, per chiarire l’accaduto. “Circolano diverse notizie false. Chi conosce il giorno dei diavoli a Vipiteno saprà sicuramente distinguere la verità dalla pura invenzione. Respingiamo le accuse razziste collegate ad esso, che non corrispondono a verità. I ragazzi frustati del video sono amici e conoscenti dei diavoli di Vipiteno”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piero Terracina è morto a 91 anni: era uno degli ultimi sopravvissuti ad Auschwitz. Liliana Segre: “Ora mi sento più sola”

next
Articolo Successivo

Ferì uomo, uccise la moglie e si suicidò. Inps chiede risarcimento di 124mila euro alle figlie. Mattarella chiama Catalfo: trovare soluzione

next