La Scala dei Turchi, il costone di marna bianca del litorale agrigentino candidato a diventare patrimonio dell’Unesco, si sta sbriciolando. Tanto che il sindaco di Realmonte ha bloccato l’accesso ai turisti e la Procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta, coordinata dal procuratore Luigi Patronaggio, a carico di ignoti per inosservanza delle norme a tutela dei beni artistici, culturali e ambientali. A preoccupare è lo stato avanzato di cedimento: massi e pietre sono venuti giù a causa del maltempo dei giorni scorsi in uno dei tratti di costa più suggestivi della Sicilia. Nei prossimi giorni in tanti saranno sentiti dalla Capitaneria di porto di Porto Empedocle che ha ricevuto la delega da parte della Procura per procedere alle indagini contro ignoti.

A lanciare l’allarme, documentando con foto e video, è stata l’associazione ambientalista Mareamico: “L’eccessiva cementificazione nella zona – ha spiegato Claudio Lombardo, responsabile dell’associazione – ha modificato il normale deflusso delle acque meteoriche e poi l’esagerata frequentazione dei luoghi ha fatto il resto. Ormai sono anni che documentiamo l’abbandono di questo luogo. Urge una programmazione e una seria gestione del sito con il contingentamento delle presenze”.

Già alcuni mesi fa una parte della parete rocciosa a picco sul mare era crollata. La zona, dunque, era stata chiusa. Tuttavia, poche settimane dopo la consegna dei lavori di messa in sicurezza, agli inizi di settembre, si era verificato un nuovo crollo del bordo della collina nella zona ovest, percorsa giornalmente da migliaia di visitatori. Così dopo gli ultimi cedimenti il sindaco di Realmonte Lillo Zicari ha firmato un’ordinanza di interdizione della zona Ovest della falesia. E lo ha fatto per “scongiurare pericoli per la pubblica incolumità”. E precisa: “Questa decisione non limita la fruizione del bene che rimane, quasi nella sua interezza, libero da interdizioni”. La zona chiusa è quella di Punta Majata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carta riciclata, Italia a rischio paralisi: export bloccato e gli impianti non riescono a reggere la crescita della raccolta differenziata

next
Articolo Successivo

Cop 25, Greta Thunberg: “L’impatto delle emergenze climatiche non è nel futuro, ma è già oggi”

next