Fabrizio Corona ha ottenuto dal Tribunale di Sorveglianza di poter scontare la sua pena – fine fissata al marzo 2024 – fuori dal carcere per l’aggravarsi di una patologia psichiatrica che l’ex re dei paparazzi dovrà curare in un istituto sanitario vicino a Monza, dove sarà detenuto. Si tratta, infatti, di un “differimento della pena da eseguire in detenzione domiciliare umanitaria” in una struttura dalla quale non potrà allontanarsi in quanto è il luogo nel quale proseguirà a scontare la sua pena durante le cure. La notizia è riportata dal Corriere della Sera.

Corona è stato in carcere 5 anni e 5 mesi (su 9 anni e 8 mesi totali) ed era stato ammesso a misure alternative finché nel marzo 2019 il beneficio gli era stato revocato a causa di una serie di violazioni, alcune delle quali durante le sue presenze tv. Ora le relazioni psichiatriche dell’équipe di San Vittore hanno segnalato il patologico progredire di disturbi della personalità borderline, associati a tendenze narcisistiche e a episodi depressivi, con l’indicazione che Corona non reggerebbe più il carcere e inizierebbe già ad essere resistente alle terapie farmacologiche. La decisione del Tribunale di sorveglianza scaturisce da una sentenza della Corte Costituzionale che in aprile ha ritenuto “incostituzionale” che i giudici potessero concedere i domiciliari a chi fosse malato fisicamente e non nella mente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morandi, dalla ‘tutela molto accentuata’ per Autostrade a ‘garanzie procedimentali’ assenti: ecco perché il Tar ha coinvolto la Consulta

next
Articolo Successivo

Montante, ‘vicedirettore Aisi indagato per false informazioni al pm. Inchiesta nata dal processo all’ex leader di Confindustria Sicilia’

next