La separazione da due soci, ma soprattutto da due amici, membri di una grande “famiglia acquisita” e “una grande ferita”, nata in “un momento di grande fragilità” e dalla sensazione che chi gli stava accanto si approfittasse di questa debolezza. In questi termini il rapper milanese Fedez racconta a ‘La Confessione’ di Peter Gomez, andata in onda giovedì 5 dicembre alle 21.25 su Nove, la rottura, un anno e mezzo fa, con J-Ax, Fabio Rovazzi e un altro collaboratore. “Questo programma si chiama ‘La Confessione’ quindi bisogna dirsi tutto. Quindi dobbiamo partire da qui: questa è la foto di J-Ax”, esordisce Gomez.

“Per me la separazione è avvenuta un anno e mezzo fa, è stata una ferita grande. Se adesso riesco a parlarne dopo un anno e mezzo è perché ho fatto un percorso – spiega l’ex giudice di X-Factor – Per me è stata una ferita grande, non ho perso un socio di lavoro, ho perso con lui, con Fabio (Rovazzi, ndr) e anche un altro nostro collaboratore, ho perso un pezzo della mia famiglia acquisita“. Perché tutti loro non erano solo colleghi di lavoro: “Fondamentalmente eravamo sì soci – io e Alessandro avevamo una società insieme – ma tutto nasceva da un rapporto umano molto forte“. E quello che fa più male è una sensazione: “Io ero nel momento di più grande fragilità di tutta la mia vita e ho avuto la sensazione che loro sfruttassero in qualche modo…”. Il marito di Chiara Ferragni lascia in sospeso la frase, poi conferma al giornalista che conclude le sue parole: “… Che sfruttassero un suo momento di debolezza”.

La Confessione (1 episodio x 70’ + 13 x 30’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito e app di Loft da giovedì 12 dicembre. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Confessione (Nove), Fedez rivela a Peter Gomez: “Ho fatto degli esami, ho un rischio sclerosi multipla. Devo scegliere le battaglie”

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), Carlo Calenda ospite di Scanzi, Sommi e Travaglio venerdì 6 dicembre alle 22.45

next