Una classe politica travolta da una maxi inchiesta sulla corruzione. Il magistrato simbolo di quella inchiesta che sceglie di impegnarsi in politica. I due poteri dello Stato – inquirente e legislativo – che entrano in rotta di collisione. Non è la storia d’Italia degli ultimi 25 anni ma quella recentissima del Brasile. Dopo la liberazione di Lula, l’ex presidente scarcerato dopo 19 mesi di detenzione, i giudici brasiliani hanno deciso di “studiare” l’Italia e l’esperienza di Tangentopoli. Il magistrato Roberto Tartaglia, ex pm di Palermo e ora consulente della commissione Antimafia, è stato invitato a tenere la relazione di apertura al Congresso statale dei pubblici ministeri e tenere una relazione dell’esperienza italiana nella lotta alla corruzione.

“Mi hanno chiesto di parlare dell’esperienza italiana di Mani Pulite e delle (tante) riforme normative successive in materia di contrasto alla corruzione. Ho detto alla fine una cosa alla quale credo molto: che solo la via delle convenzioni internazionali può servire, dall’esterno, a ‘stabilizzare’ gli ordinamenti nazionali, limitando quegli eccessi (verso l’alto o verso il basso) che, anno dopo anno, possono derivare dalle ‘vivaci’ dialettiche socio-politiche alle quali siamo abituati”, spiega Tartaglia.

Nella sua relazione Tartaglia ha riassunto le più importanti indagini italiani su corruzione e associazioni criminali: non solo Mani pulite, ma anche le conseguenze politiche delle stragi del 1992 e 1993. A partire dall’arresto di Mario Chiesa fino agli omicidi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino l’analisi di Tartaglia si è spinta ad analizzare dei rischi di disintegrazione del sistema quando i due fenomeni – mafiosi e corruttivi – si uniscono nello stesso arco temporale. Spazio anche al periodo successivo: il consulente della commissione Antimafia è arrivato agli anni recenti, con le varie norme antimafia parallelamente a quelle anticorruzione. Fino alla riforma Spazzacorrotti. Dopo il pm italiano è intervenuto anche Rodrigo Chemim, magistrato brasiliano autore del libro Mani pulite e Lava Jato, la corruzione si guarda allo specchio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Funzionari pubblici corrotti da un manager Philip Morris hanno rinviato rincaro sigarette in cambio di assunzioni e promozioni”

next
Articolo Successivo

Assunzioni in cambio di voti, il sindaco arrestato: “Non vado da nessuna parte se non utilizzo questo metodo”

next