All’interno di un condominio può capitare di vivere in un appartamento con impianto di riscaldamento centralizzato. Questo significa che l’onere viene inserito all’interno delle spese condominiali, che corrispondono a un canone fisso mensile versato da tutti i proprietari o dagli affittuari degli appartamenti.

Ma cosa accade quando si installano i contabilizzatori di calore sui termosifoni, così come previsto dalla nuova normativa? Si continua a pagare in base ai millesimi di proprietà o bisogna calcolare l’importo a seconda dei consumi effettivi?

Come riportato da un articolo di Immobiliare.it, secondo la nuova normativa queste spese vengono ripartite in due voci:

  • costi fissi involontari, che fanno riferimento a procedure come la manutenzione della caldaia o la sua pulizia periodica e vengono ripartiti in base ai millesimi;
  • costi variabili volontari, generati dai consumi registrati in ogni appartamento: per questi bisogna calcolare l’effettivo utilizzo del riscaldamento da parte di ogni nucleo familiare, tramite la lettura della registrazione degli appositi contabilizzatori.

Ma se in un condominio tale revisione dei costi non è ancora avvenuta significa che non è nemmeno stato modificato il regolamento condominiale, così come invece sarebbe previsto dalla legge. è stata proprio una sentenza della Corte di Cassazione a ribadirlo: le spese che riguardano il riscaldamento non si possono suddividere unicamente in base ai millesimi se sono presenti dei contabilizzatori di calore.

Bisogna quindi provvedere a un aggiornamento del regolamento condominiale e adottare il nuovo regime di pagamento basato sui consumi effettivi. Non è possibile inoltre fare appello a un’eventuale delibera della giunta regionale che preveda criteri di calcolo differenti, poiché la decisione della Cassazione e la legge sulla quale è basata hanno una valenza maggiore di un qualsiasi atto amministrativo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nuda proprietà: ecco perché attira venditori e acquirenti

next
Articolo Successivo

Sostenibilità: l’impianto fotovoltaico ora può essere noleggiato

next