Dalla mobilità agli immobili: dopo avere rinnovato il modo di spostarsi in città e di viaggiare, la sharing economy conquista anche le nostre case e si pone l’obiettivo di ridurre i costi delle spese energetiche. Come rilevato da un articolo di Immobiliare.it, è in arrivo sul mercato italiano un servizio che dà la possibilità di installare un impianto fotovoltaico sul tetto senza sostenere alcuna spesa: in cambio si pagherà una tariffa sull’energia prodotta a prezzo agevolato.

La formula nord-europea

Il progetto trae ispirazione dalle ESCo (Energy Service Company), società specializzate nella promozione di interventi volti al risparmio energetico. La loro offerta, già diffusa in alcuni Paesi del Nord Europa, prevede che il cliente si faccia carico dei costi di installazione dell’impianto: attraverso il pagamento di un canone mensile, calcolato sulla base del risparmio ottenuto, ne diventerà dunque proprietario.

Le peculiarità della formula italiana

Nel nostro Paese il servizio è stato proposto da Modus Group attraverso Green Genius, azienda specializzata nel campo delle energie rinnovabili, che ha messo a punto una formula leggermente diversa rispetto a quella europea. In primo luogo, per il proprietario del tetto non è previsto il versamento di un canone fisso mensile: installazione e manutenzione del sistema sono gratuite.

A essere pagata sarà invece l’energia prodotta, ma a un prezzo agevolato: a fine anno il risparmio in bolletta può arrivare anche al 20%. Un’altra peculiarità della formula italiana è che il cliente potrà recedere in qualsiasi momento dal contratto, pagando soltanto per le pratiche di allaccio del contatore. Una volta smontati, però, i pannelli non rimarranno di sua proprietà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Contabilizzatori di calore: come calcolare le spese in condominio?

next
Articolo Successivo

Spese di ristrutturazione: come scegliere tra mutuo e prestito

next