“Dovevamo evitare fenomeni di emulazione. Evitare di trasformare in eroi i ragazzi. Questo è l’obiettivo, nessun controllo strano o altro”. Così Luigi De Siervo, ad della Lega Serie A, risponde alle accuse di voler “censurare” le curve dopo la pubblicazione su Repubblica.it di un suo audio registrato durante un’assemblea di Lega. Nell’audio l’ad aveva detto di voler far spegnere i microfoni delle curve “così non si sentono i buu”.

“Noi non puntiamo i microfoni verso la parte più facinorosa della curva – ha aggiunto in conferenza stampa – Togliamo il microfono ai violenti, a chi urla. Ma non blocchiamo nulla. C’è già chi all’interno degli stadi ha l’obbligo di analizzare ogni azione e stabilire sanzioni o sospensioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, “Mario hai ragione, sei africano”: denunciati tre di Forza Nuova che affissero uno striscione contro Balotelli allo Stadium

next
Articolo Successivo

Ibrahimovic: “Andrò in una squadra che deve vincere di nuovo. Ci vediamo presto in Italia”. È l’identikit del Milan che cerca un bomber

next