Matteo Renzi parlerà di finanziamenti ai partiti e trasparenza nelle donazioni in Senato il prossimo 12 dicembre. Il capogruppo di Italia viva a Palazzo Madama Davide Faraone è stato il primo ad annunciare il via libera della capigruppo alla richiesta di un dibattito urgente “sulle regole del finanziamento alla politica e su chi stabilisce cos’è un partito e cosa no”: “Per Iv prenderà la parola Matteo Renzi”, ha scritto su Twitter. L’ex premier Pd e senatore,che da giorni attacca i magistrati per l’inchiesta sulla fondazione Open, solo ieri aveva criticato la maggioranza per aver fatto slittare l’equiparazione tra fondazioni e partiti prevista in Manovra. Le ragioni, secondo Pd e M5s, nascevano dall’impossibilità pratica “per la commissione di garanzia di esaminare i rendiconti di 6.000 associazioni”. Di tutto questo Renzi vorrà parlare a Palazzo Madama.

La capigruppo del Senato ha anche deciso che il ddl Bilancio sarà in Aula lunedì 9 alle 12. Il calendario è stato approvato all’unanimità e si va verso il voto di fiducia martedì 10. I lavori proseguono a rilento, un vero e proprio stallo visto che la manovra sarebbe dovuta approdare in aula oggi. Mercoledì 11 inoltre, alle 15,30, in Senato si terranno le comunicazioni del premier Giuseppe Conte sul Consiglio europeo del 13 dicembre, che tratterà anche il tema fondo salva-Stati. Lo ha comunicato al Senato il vicepresidente Roberto Calderoli, informando l’Assemblea delle decisioni della Capigruppo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Concorso Conte, Iene: “Premier e Alpa erano legati da interessi economici e professionali”. Premier: “Mai associazione con il professore”

next
Articolo Successivo

Conte a Londra, Trump e Melania offrono un passaggio al premier e a Macron per spostarsi da Buckingham Palace a Downing Street

next