Nove arresti tra gli esponenti della cosca Santapaola-Ercolano, imprenditori e faccendieri e al sequestro di beni per 12,6 milioni di euro, tra immobili e società. Il Ros ha scoperto che Cosa nostra di Catania vende parte dei propri beni perché le servono soldi per finanziare la ‘famiglia’. Per dirla con Giuseppe Cesarotti, imprenditore intercettato e arrestato dai carabinieri del Ros di Catania, i soldi servono per sostenere chi è “nell’altra vita“, con riferimento a Francesco Mangion, boss deceduto per il coinvolgimento del figlio Enzo, e i “sepolti vivi“, identificati con i capimafia ergastolani detenuti Benedetto Santapaola e suo nipote Aldo Ercolano.

L’inchiesta Samael della Dda di Catania ha permesso anche il sequestro di beni per 12,6 milioni di euro, tra immobili e società. Ma, avverte il procuratore Carmelo Zuccaro, “elogiando le indagini del Ros” che proprio oggi ‘compie 29 anni’, “non lasciatevi ingannare dal momento: la mafia catanese è sempre feroce e molto pericolosa”. Per il procuratore aggiunto Francesco Puleio nell’inchiesta si “respira aria di alta mafia”. Le indagini sul mondo economico di Cosa Nostra a Catania sono partite almeno dal 2014. Accertamenti che si sono concentrati sulla famiglia Cesarotti, Giuseppe e Salvatore, padre e figlio di 75 e 54 anni, accusati di essere legati al gruppo Santapaola-Ercolano e legati, in particolar modo, a Giuseppe ‘Enzo’ Mangion, figlio del boss deceduto Francesco che è stato per decenni uno dei luogotenenti fidati di Benedetto Santapaola. I tre sono tra gli arrestati.

Il lavoro del Ros, presenti alla conferenza stampa con il vice comandante generale, Giancarlo Scafuri, e della Dda di Catania ha ricostruito investimenti, riciclaggio, alienazione di beni riconducibili a Cosa nostra con la complicità di imprenditori. Come Mario Palermo, di 75 anni, considerato dall’accusa un prestanome del clan e posto agli arresti domiciliari, o Francesco Antonio Geremia, di 59, condotto in carcere che sarebbe stato anche un ‘faccendiere’ a disposizione del clan. L’inchiesta ha fatto luce sull’incendio doloso a un lido balneare a Mascali, il ‘Jaanta Bi’, per estorsione, e sul passaggio di terreni riconducibili a Cosa nostra da agricoli a edificabili. Il gip, accogliendo la richiesta della Procura, ha disposto il sequestro di 23 villette, 21 delle quali in provincia di Reggio Calabria di proprietà della Co.Invest, e di diverse società, compresa la LT logistica e trasporti e la G. R. transport logistics specializzata nel deposito ferroviario e trasporto merci che, accusa la Dda, contrastavano “attraverso minacce e intimidazioni” le aziende concorrenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia nigeriana, “riti vudù per costringere le donne alla prostituzione e le ‘tangenti’ su elemosina”: così agivano le due gang a Bari

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, “era il collettore che decideva a chi dare gli appalti”. L’imprenditore comincia a collaborare e le cosche tremano

next