Il terremoto, di magnitudo 6,4, che ha colpito l’Albania prima dell’alba di martedì è stato il più potente sisma degli ultimi decenni. La terra continua a tremare e purtroppo aumenta di giorno in giorno il numero delle persone decedute durante la scossa. Il nostro paese è stato tra i primi a recarsi nei luoghi del terremoti: centinaia di uomini e mezzi partiti per prestare soccorso e assistenza alla popolazione albanese. Ma non solo.

Si è messa in moto anche la macchina della solidarietà online: oltre 1.000 campagne di raccolta fondi sono state attivate, tra Europa e Stati Uniti, su GoFundMe. Raccolti circa 3 milioni di euro per aiutare e assistere persone rimaste purtroppo senza niente. Le donazioni sono arrivate da 87 paesi del mondo: l’Italia è al sesto posto tra i paesi più solidali per totale donazioni, dopo gli Usa, Inghilterra, Svizzera, Australia e Germania.

Elisa Liberatori Finocchiaro, responsabile del Sud Europa della piattaforma, anche sul New York Times, ha spiegato: “GoFundMe sta lavorando con ambasciate e autorità locali per far in modo che i fondi arrivino nel posto giusto. La risposta dei donatori all’hashtag #ActforAlbania si è mostrata da subito incredibile tra Europa, Nord America e Australia”.

Le più grandi campagne di crowdfunding sono state infatti raccolte in questa pagina. La raccolta fondi più importante è senza dubbio quella lanciata dalla fondazione Fundjavë Ndryshe (Different Weekend). Oltre 52mila le condivisioni online sui social media e circa 25mila i donatori. La nonprofit, che si occupa di lotta alle povertà, tiene in aggiornamento continuo i propri donatori attraverso la pubblicazione sulla sua pagina di foto e video con gli aiuti alle popolazioni colpite.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, il rione Sanità passa dal degrado al turismo culturale. Così ‘la bellezza ha generato bellezza’

prev
Articolo Successivo

“Il futuro è verde canapa”, in libreria il volume sull’evoluzione della cannabis nella scienza moderna: “Sempre più presente in medicina”

next