Tutto è partito dalle segnalazioni dei consulenti, che hanno riscontrato un elevato stato di corrosione del cemento sotto l’impalcato dei viadotti. Una circostanza che non poteva combaciare con i voti (40 su un massimo di 70) dati dai tecnici di Spea fino a giugno. Da qui si è aperto il terzo filone dell’inchiesta sui viadotti controllati da Autostrade per l’Italia: si indaga per omissione di lavori in costruzioni che minacciano rovina, al momento a carico di ignoti.

L’indagine è collegata alla chiusura parziale della A26 per il “grave stato di deterioramento con pericolo di rovina” rilevato dai consulenti della procura sui ponti Fado e Pecetti, i due viadotti su cui Aspi sta effettuando controlli da lunedì notte. Nel fascicolo, in mano al pubblico ministero Walter Cotugno, potrebbero rientrare anche il Sori, Veilino e Letimbro. Secondo quanto previsto dalla legge commette questo reato “il proprietario di un edificio o di una costruzione che minacci rovina ovvero chi è per lui obbligato alla conservazione o alla vigilanza”.

Gli investigatori della guardia di finanza hanno acquisito i progetti del Fado e del Pecetti per verificare se l’opera costruita corrisponda a quella realizzata, così come sarebbe avvenuto per il Paolillo (A16 in Puglia). Verifiche in questo senso verranno fatte anche su tutti gli altri 18 viadotti nel mirino della procura. Dall’indagine sui falsi report, che vede indagate una ventina di persone tra dirigenti e tecnici di Aspi e Spea, era già emerso che il Paolillo non corrispondeva al progetto originario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondazione Open, proseguono le perquisizioni della Guardia di Finanza per accertare “rapporti con finanziatori”

next
Articolo Successivo

Open, i finanziatori della fondazione che hanno beneficiato di scelte del governo Renzi: dal gruppo Gavio alla lobby del tabacco

next