“Da oggi le persone affette da una patologie irreversibile e da un dolore insopportabile, dipendenti da un trattamento sanitario che li tiene in vita, possono decidere di terminare la loro sofferenza facendosi aiutare da un medico”, così Marco Cappato dell’Associazione Luca Coscioni spiega le motivazioni della sentenza della Corte Costituzionale sul suicidio assistito. “Da adesso le persone nelle condizioni di Fabo avranno diritto ad essere aiutate in Italia”, spiega Cappato che aggiunge: “certo, la sentenza non copre tutte le possibilità, per questo ci rivolgiamo al parlamento perché finalmente si approvi una legge per legalizzare l’eutanasia contro l’eutanasia clandestina”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siamo Coop promuove le idee di italiani e rifugiati. E li trasforma in imprenditori sociali

prev
Articolo Successivo

Violenza sulle donne, la manifestazione a Roma delle femministe di Non una di meno: “Siamo il grido feroce di chi non ha più voce”

next